Madame X, parla Madonna: ‘è il mio album più politico dopo American Life’

Condividi

Madonna troneggia sulla copertina della rivista francese LGBT Têtu, con Madame X, suo nuovo album, al centro della ricca intervista contenuta all’interno.
Madonna rivela di essere “spaventata” dall’attuale clima politico, ma si augura che questo suo nuovo materiale possa aiutare ad “ispirare le persone ad agire”.

Sono spaventata, spaventata da tante cose che accadono in questo mondo. Ma sono anche ottimista, penso che il futuro sia pieno di possibilità e spero di essere in grado di incanalare la mia rabbia per creare una musica piena di gioia”. “Per me, in modi diversi, questo album è la continuazione di American Life.

Sbam.
La carriera di Madonna è stata definita dal suo attivismo politico e sociale, dell’uso della provocazione culturale per suscitare discussioni, con alcune figure populiste di destra come Donald Trump e Marine Le Pen che hanno abbracciato tali tattiche per alimentare odio e raccattare voti.

Se sei una persona di mentalità ristretta che usa la provocazione, allora il tuo messaggio sarà di mentalità ristretta. Dipende dall’intenzione del provocatore. Non vedo il mondo attraverso etichette e categorie. Ma la società ama categorizzare, etichettare e separare le persone: i poveri, i gay, gli africani … Perché ci fa sentire al sicuro.

Da sempre considerata ‘icona gay’, the QUEEN ha così infine affrontato l’argomento.

Penso che sia strano definirmi un’icona. Mi sento fortunata ad avere una voce e ad essere in grado di usarlaper aiutare le persone a non averne una, e a lottare per i diritti di coloro che non sono ascoltati. Penso che la parola ‘icona’ sia una parola che le altre persone possono affibiarti, ma non posso rivendicarla per me stessa. Pensi che sia un’icona?

E ce lo chiedi pure?

Autore

Articoli correlati