Madonna, problemi a Sintra per il nuovo video: voleva far entrare un cavallo in un palazzo del XVIII secolo

Condividi

Nei giorni scorsi Madonna avrebbe girato quello che parrebbe il suo nuovo attesissimo video tra Lisbona e Sintra, vera e propria meraviglia portoghese tutta tempestata di ville e palazzi dai colori pastello.
Ebbene secondo quanto riportato dal quotidiano Expresso, Madge avrebbe chiesto il permesso per girare parte di questo video all’interno della sala principale di un palazzo di proprietà del municipio.
Una meraviglia del XVIII secolo.
Richiesta inviata un mese fa, senza specificare il nome ‘MADONNA’, bensì limitandosi ad un più generico “cantante conosciuta in tutto il mondo”, onde evitare il prevedibile delirio.
Permessi accordati, con le riprese che si sarebbero svolte tra le ore 17:00 e le 7:00 del mattino. Con un piccolo ‘incidente’.
L’ultimo giorno di set, il 15 marzo scorso, Madonna e il suo staff hanno presentato ai presenti delle novità non menzionate in sceneggiatura.
Tra queste, un cavallo.
In una delle scene del brano, per ora denominato ”Indian Summer”, il cavallo avrebbe dovuto interagire con Madonna, steso per terra all’interno del palazzo del XVIII secolo.
Apriti cielo.
I rappresentanti della popstar avrebbero persino minacciato di ‘chiamare il Primo Ministro’, nel caso in cui non fosse arrivato il via libera, con tre poliziotti inviati sulla scena per calmare le acque, fortunatamente con il passare dei minuti rasserenatesi.
Il sindaco della città, Basílio Horta, ha sottolineato come il pavimento del palazzo sia di legno, con tutti i relativi rischi del caso dinanzi ad un animale della stazza di un cavallo. Horta ha poi ribadito come i rappresentanti di Madonna siano stati trattati con cortesia, come qualsiasi altro cittadino europeo. Perché il denaro non può comprare tutto.

“In nessun caso faremmo entrare entrare un cavallo all’interno del palazzo, non ha senso! Madonna è un’artista, ma il palazzo appartiene a tutti e non deve essere rovinato. Ci sono cose che il denaro non può comprare”.

Amen.

Autore

Articoli correlati