Kevin Fret, ucciso a colpi di pistola il primo trapper gay latino americano

Condividi

“Kevin aveva un’anima artistica, era un sognatore dal cuore grande. La sua passione era la musica e aveva ancora molto da fare. Questa violenza di deve fermare. Non ci sono parole per descrivere il sentimento che abbiamo e il dolore nel sapere che una persona con così tanti sogni se ne è andata. Dobbiamo unirci in questi tempi difficili e chiedere pace per il nostro amato Porto Rico”.

Così il suo manager, Eduardo Rodriguez, ha commentato la morte del giovane Kevin Fret, primo trapper latino americano dichiaratamente gay.
24 anni appena, Fret è stato freddato verso le 5.30 del mattino da diversi colpi di pistola, mentre era in moto, a Puerto Rico. Si indaga, ovviamente, per omofobia.

Autore

Articoli correlati