60 anni di Madonna, un capolavoro al giorno: ricordiamo Vogue

Condividi

fcdb72c0950ff2ce345a92fea8d122f8

E’ il 20 marzo del 1990 quando Vogue, primo singolo estratto dall’album I’m Breathless, vede Madonna immediata Regina anche del nuovo decennio.
Inizialmente pensata come semplice b-side del singolo Keep It Together, la canzone venne inclusa all’ultimo momento in I’m Breathless, album che conteneva canzoni tratte o comunque ispirate al film Dick Tracy, diventando da subito di culto.
Oltre 6 milioni di copie vendute e un ballo, il vogueing, tramutato in must mondiale dopo aver fatto furore nei locali gay degli Stati Uniti, nell’imitare le pose plastiche delle modelle e dei modelli che appaiono sul noto magazine americano Vogue.
Pose di Ryan Murphy, serie ancora inedita in Italia, ne ha attinto a piene mani.
Nuovamente diretta da David Fincher dopo Express Yourself e Oh Father, con il video di Vogue Madonna riscrive la storia di MTV, con bianco e nero, look anni ’30 e un chiaro omaggio all’artista Art déco Tamara de Lempicka.

Epocale, a dir poco, l’esibizione agli MTV Video Music Awards del 1990, con Madonna negli abiti di Maria Antonietta e i suoi ballerini in pieno stile Francia del XVIII secolo.
Cantata al Blond Ambition Tour, Vogue si è fatta sentire live anche al The Girlie Show, al Re-Invention Tour, nello Sticky & Sweet Tour e remixata nel MDNA Tour del 2012. STRIKE A POSE!

Autore

Articoli correlati