Pamela Anderson: ‘troppa masturbazione rende asessuali’

Condividi

 

Nel corso della sua carriera Pamela Anderson ha generato una quantità tale di pippe che con il ricavato potremmo riempirci il lago di Bracciano.
Eppure l’ex bagnina di Baywatch è convinta che la masturbazione faccia male.
La curiosa ‘verità’ è venuta a galla nel corso di un botta e risposta con Dazed. Un fan ha chiesto all’attrice cosa fare, per uscire da un periodo ‘asessuato’ da lui vissuto, e Pamela ha spiazzato: “Ho sentito che questa è un’epidemia”. “O forse è un’evoluzione nell’era della tecnologia e delle fobie da germi. Troppa masturbazione … sembra essere una dipendenza”.
Pamela ha poi provato ad offire tutta una serie di folli spiegazioni secondo cui l’uomo avrebbe abbracciato questa fase di asessualità, che vanno dai “video pornografici espliciti ai videogiochi”, fino all’eccessivo utilizzo di YouTube.
Poi ha detto: “Troppe masturbazioni o fantasie sulle star del cinema cibernetico o sui videogame come Fortnite sembrano essere una dipendenza. E’ tempo perso. È un momento di confusione, abbiamo accesso a così tante cose. Immagino tu debba essere coraggioso, sperimentare. Ma non incolpare te stesso”.
Non contenta, la Anderson ha confessato di sentirsi come un omosessuale intrappolata nel suo corpo.
Alla prossima sparata, come minimo, ce la ritroviamo alla vice-presidenza Rai con candidatura grillina.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Bb 3 Agosto 2018 at 0:38

    Ha totalmente ragione altroché

  • Beckhs 31 Luglio 2018 at 2:13

    Hai ragionissima. La penso come te!

  • Beckhs 31 Luglio 2018 at 2:12

    Io non le do proprio torto ad onor del vero

  • iconic 30 Luglio 2018 at 22:42

    Cosa cazzo c’è di strano in quello che ha detto??

  • Invisible Boy 30 Luglio 2018 at 16:13

    Non ha tutti i torti: rispetto al passato, grazie ad internet e al p0rno libero, gli stimoli sono sconfinati; se a ciò aggiungiamo il rischio malattie, allora il discorso di Pamela ha completamente senso

  • Gianluca 30 Luglio 2018 at 15:26

    E invece ha ragione. È alla base della psicologia sociale: troppo accesso ai contenuti, troppo facilmente e troppo frequentemente. Queste tre cose creano inibizione da una parte e assuefazione dall’altra!

  • Fabri 30 Luglio 2018 at 14:38

    E’ ovvio che se diventa una mania compulsiva, la masturbazione può essere deleteria, specie se ci si riduce solo a questo. Diversamente, la masturbazione è una pratica utile, sana e perfettamente compatibile con altre pratiche sessuali sia di coppia, sia da single. La trovo comunque decisamente più sicura come pratica rispetto al sesso compulsivo tipico di molti gay, specie quando abbinato a droghe o pratiche poco sicure.

  • Nanonano 30 Luglio 2018 at 13:39

    Non mi sembra così folle pensare che dopo mille pippe davanti a un pc la prima volta che ti trovi a letto con qualcuno ti blocchi..

  • Personcina 30 Luglio 2018 at 12:59

    Sulla pornografia e relativa masturbazione ha ragione.