x

60 anni di Madonna, un capolavoro al giorno: ricordiamo Take a Bow e You’ll See

Condividi

Dopo Borderline, primo omaggio di ieri in vista dei 60 anni di Madonna, facciamo un salto di 10 anni e passiamo alla stagione 1994/1995, per il 2° e il 3° capolavoro di questa carrellata pop. Una doppietta.
Take a Bow,  secondo singolo estratto dall’album Bedtime Stories, e You’ll See, primo estratto dalla raccolta di ballate Something to Remember.
Due assolute meraviglie di una Madonna ‘diversa’, lontana dal pop, che in quegli anni sfornava ballad da urlo a getto continuo, vicendo un Golden Globe come miglior attrice grazie ad Evita.

Ad unire le due canzoni i video, di fatto l’uno il prosieguo dell’altro, entrambi diretti da Michael Haussman, con una Madge innamorata di un Torero (Emilio Muñoz). Come dimenticare, poi, la partecipazione al Festival di Sanremo 1995, che vide Madonna accolta da una standing ovation al cospetto di Pippo Baudo.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • cantalupo75 3 Agosto 2018 at 13:52

    L’ha cantata a Torino durante il Rebel Heart Tour insieme ad Heartbreake City, ma purtroppo non è presente nel dvd girato in Australia.

  • cantalupo75 3 Agosto 2018 at 13:49

    Aggiungerei anche “Time stood still” dalla colonna sonora di “Sai che c’è di nuovo”.

  • Thefighter 31 Luglio 2018 at 5:08

    Appunto, lo sanno tutti che Tommassini ha copiato ogni coreografia di Madonna https://uploads.disquscdn.com/images/11e57275f92f94170d41b68714a72934c763099ea64ffc69e3e1cc88569bf5c9.gif

  • Silly Shark 30 Luglio 2018 at 22:56

    Take a Bow è un pezzo pazzesco, uno dei migliori della sua carriera, secondo me.

  • giannileo 30 Luglio 2018 at 19:51

    Cose indimenticabili!!!

  • Lorenzo 30 Luglio 2018 at 14:18

    Dio stavo per scrivere la stessa cosa! Che ricordi!

  • handreas 30 Luglio 2018 at 9:33

    eh si, un’altra epoca proprio! Lei Diva di altri tempi, irrangiungibile, intoccabile, inarrivabile… ma a quei tempi lo schifo dei Social manco esistevano… che hanno rovinato tutto, anche le emozioni di comprare una rivista e leggere un articolo a lei dedicato, per trovare magari qualche foto rubata!

  • giannileo 30 Luglio 2018 at 0:19

    You’ll see, amore a primo ascolto e vista. Ricordo ancora la première del video durante buona domenica… Tutto cominciò da lì per me, 23 anni di puro amore!

  • Una Basica a Las Vegas 29 Luglio 2018 at 22:02

    Bellissima performance.

  • Fabri 29 Luglio 2018 at 21:31

    You’ll see, the look of love, the power of goodbye, crazy for you, ghosttown, live to tell, this used to be my playground: brani indimenticabili, ognuna splendida a modo suo, ognuna specchio dell’epoca in cui uscì. Mi manca molto la Madonna delle ballad-capolavoro. La cosa curiosa è che ultimamente mi coinvolge forse meno rispetto a prima (almeno quando esce qualcosa di nuovo, quando fa brani da bimbominkia, che comunque apprezzo, alla fine), ma poi, inevitabilmente, ascoltare gli ultimi album, ad anni dall’uscita, me li fa vedere in maniera diversa, decisamente migliore.

  • BJ 29 Luglio 2018 at 21:12

    Diciamo che Ray of Light fu ispirato dalla nascita della figlia.
    Per fortuna si rivolse a William Orbit, visto che all’inizio i collaboratori sarebbero stati quelli di Bedtime Stories, a parte Patrick Leonard (ci sono i famosi demo rubati di Revenge, Gone Gone Gone, ecc)

  • Thefighter 29 Luglio 2018 at 20:16

    Chi? Quel gran lecchino di Tommassini che ha rubato ogni singola coreografia di Madonna? https://uploads.disquscdn.com/images/d82b1220eac46d38422e4c2ef63fbc322a3db1d47aab7a31ee46a1ae843f57fd.gif

  • redone 29 Luglio 2018 at 19:50

    A me piaceva un sacco “you don’t live here anymore”,anche li era bellissima!

  • John the littleboat 29 Luglio 2018 at 16:48

    Quando il nostro Luca Tommasini, era il suo migliore amico e che dopo la aiuterà durante la gravidanza con le riprese di Evita…Sembrerebbe abbiano davvero avuto un rapporto bellissimo, i due come appare nei dolci racconti di Luca. In ogni caso forse questo è stato il momento della carriera di Madonna più coraggioso e consapevole, che dopo portò alla piena maturità della session di registrazione, davvero sperimentale , di Ray of Light, in cui era decisamente ispirata e in stato di grazia.

  • joethelion 29 Luglio 2018 at 16:18

    ma la bellezza di questa donna?
    ma l’immortalità di take a bow?
    ma la sua capacità di creare capolavori del genere?
    e pensare che questi non sono manco i miei pezzi favoriti.
    ma come fanno i giovani d’oggi ad ignorare tanta storia della musica e del costume e di accontentarsi di personaggi effimeri senza arte ne parte costruiti e totalmente in balia delle major?
    Peccato che siano canzoni che live ha quasi completamente snobbato, penso che siano parecchio difficoltose per lei adesso poterle cantare senza doverle abbassare di mille toni!
    comunque lei è e rimarrà la REGINA del POP sempre e comunque

  • KK33 29 Luglio 2018 at 13:39

    You’ll See è una splendida e potente ballad, accompagnata da un video in cui Madonna è di una bellezza disarmante e, vocalmente, più sofisticata e incisiva. Il brano ebbe successo in tutto il mondo, però ho come la sensazione che, nel tempo, sia un po’ caduto nel dimenticatoio.
    Take a Bow è un pezzo di gran classe, con un sound languido ed evocativo, mai scontato, con un video sensualissimo e diretto in modo magistrale (lontano anni luce dalle baraccone delle popstar di “nuova generazione”). Successo clamoroso negli States.
    https://uploads.disquscdn.com/images/d3aff35aaed3c1ce8305c0622957600e69d0bf320befea2c4bf2b74a734bedef.gif
    https://youtu.be/4RmiTpv02PI