Royal Wedding – tutti pazzi di Michael Curry, vescovo pro-nozze gay che ha sposato Harry e Meghan

Condividi

Il sermone di una vita.
Lungo, appassionato e molto apprezzato.
Michael Curry, vescovo di Chicago nonché primo afroamericano a capo della Chiesa episcopale americana, è diventato uno dei personaggi del giorno dopo aver sposato il principe Harry e la bella Meghan Markle.
65 anni, Curry guida la Chiesa episcopale, con sede a New York, ovvero una delle due sole chiese anglicane che consentono il matrimonio gay in chiesa.
Michael si è più volte pubblicamente schierato in favore del matrimonio egualitario, suscitando non poco clamore e polemiche.
“Dobbiamo scoprire il potere dell’amore, il potere redentore dell’amore. E quando lo scopriremo, saremo in grado di trasformare questo vecchio mondo in un nuovo mondo. L’amore è l’unica via”, ha rimarcato davanti ai due emozionati sposi citando Martin Luther King Jr.
Un amore che non conosce orientamento sessuale.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • serenity 20 Maggio 2018 at 14:09

    In realtà è stato preso per pazzo, in Chiesa ghignavano tutti, e anche on line gli inglesi non l’hanno presa benissimo, anzi era davvero fuori luogo per un matrimonio regale.