Loro di Paolo Sorrentino, il teaser trailer del film su Silvio Berlusconi

Condividi

Praticamente certo al prossimo Festival di Cannes, con papabile divisione in due parti, Loro di Paolo Sorrentino vedrà Toni Servillo, indimenticato Andreotti ne Il Divo, nei panni di Silvio Berlusconi.
Con DUDU’ guest star. La Grande Bellezza del Young Divo. Praticamente un capolavoro annunciato.
L’ennesimo, per il regista premio Oscar.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • handreas 13 Marzo 2018 at 18:31

    be ognuno vede le cose a modo suo… se non ti piace il parere altrui non vai a vederlo e finisce lì. Non piangerà nessuno stai tranquillo!

  • handreas 13 Marzo 2018 at 18:29

    e il tuo problema dove sta? Sei rimasto senza padrone? ah ah ah

  • handreas 13 Marzo 2018 at 18:28

    ma ancora con ste stronzate state? Ma davvero credete che Berlusca sia il male di tutto, mentre gli altri siano limpidi come l’acqua? Non si è ancora capito che bisogna sempre distinguere quello che dicono i Media dalla verità. E ricordiamoci che è stato assolto da innumerevoli processi… Ora non voglio difendere il “Presidente” … ma basta con ste cacchiate pero’ siete patetici!

  • handreas 13 Marzo 2018 at 18:26

    da quando, scettico io, ho visto “The young pope”,(e quanto vorrei ci fosse una seconda serie con stessi attori) quasi per scommessa direi, mi sono talmente innamorato di questo suo stile, che non vedo l’ora di vederlo!

  • Marco 13 Marzo 2018 at 3:00

    Servillo è ufficialmente la troia di Sorrentino così come la Truman di Tarantino, Accorsi di Moccia e via dicendo
    Contenti loro

  • abiqualcosa 13 Marzo 2018 at 0:09

    prostituzione, e trattative con le mafie, e compravendita di parlamentari, e conflitti di interesse multipli, e demonizzazione della sinistra, e machismo mussoliniano, e…..insomma un vero modello ed eroe per gli italiani. Aggiungi l’enfasi pomposa e onanista di Sorrentino e Servillo….e la confezione è completa.

  • Genoveffa 12 Marzo 2018 at 15:43

    Mah. Io sono un po’ preoccupato. C’è il rischio che faccia apparire Berlusconi come una “rockstar” a cui perdonare tutto, prostituzione minorile in primis. E in un momento in cui il 14% del paese gli ha dato nuovamente fiducia…