Burn That Bridge, splendida storia d’amore gay nel video di Donovan Woods

Condividi

Donovan Woods ha realizzato un video a tinte LGBT per il suo nuovo singolo, Burn that Bridge.
Un brano folk che si concentra su una coppia omosessuale interraziale, raccontando la storia di due buoni che amici che si innamorano l’uno dell’altro.
In un’intervista a Billboard, Woods ha confessato che la canzone è stata ispirata dal suo amico gay – e scrittore – Breagh MacKinnon.
Il cantante si è detto anche infastidito dalla lentezza con cui la musica folk e il country guardano ai diritti LGBT. Ecco perché questo brano si fa ancor più importante, con uno stupendo video interamente girato in una casa a traino.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Giancarlo Leoni 24 Febbraio 2018 at 11:55

    Tra 1 mese o poco più uscira nei cinema in Italia. E’ arrivata la conferma direttamente da Fil Rouge Media come potete vedere
    Speriamo che sui vari siti Gay italiani sia pubblicizzata questa notizia, altrimenti farà la stessa fine di 120 battiti al minuto con la Teodora Film che si lamentò del “flop” nelle sale italiane, dicendo che per una volta che un film gay esce nel nostro paese siamo noi a non andarci. Anche se devo dire quando usci Weekend qui da noi fu un grande successo inaspettato… vedremo.. https://uploads.disquscdn.com/images/bb61edc03adb0b5b4a479e6937a1b01b35019509d3a5cc424bfd4f6644cd73ac.png

  • Mr. Radio 23 Febbraio 2018 at 20:33

    l’ho scoperto grazie a te, che perla di film, bellissimo

  • Fabri 23 Febbraio 2018 at 15:24

    Grande! Non sapevo dello spin-off! Chiedo venia. E corro a leggere

  • DrApocalypse 23 Febbraio 2018 at 14:47

    ne ho più volte parlato su Arcobamedia, spin-off di Spetteguless.
    http://www.arcobamedia.it/2018/02/23/gods-own-country-netflix/

  • Fabri 23 Febbraio 2018 at 12:11

    Molto bello, vero. A proposito di bellissime storie, Apo, hai mai sentito parlare di God’s Own Country? Non mi pare tu ne abbia mai parlato qui. È un bellissimo film inglese del 2017 che secondo me merita ed ha anche ricevuto premi non da poco.

  • lorenzino 23 Febbraio 2018 at 10:57

    ho letto “girato in una casa a traino”, nella mia ignoranza massima ho pensato si trattasse di uno di quei megatraslochi in cui caricano le case sopra un trattore e le spostano da una parte all’altra degli usa (programma spettacolare, uno dei miei preferiti), ho fatto partire il video e mi sono ritrovato due sdrumati che ballano la mazurka in soggiorno.
    eccheccazzo, mai una gioia…