Roger Federer torna numero uno del mondo a 36 anni – epocale

Condividi

Schermata 2018-02-16 alle 23.00.21

Primo all’età di 36 anni e sei mesi.
14 anni dopo la prima volta e 5 anni dopo l’ultima.
Re Roger Federer è tornato il numero 1 del tennis mondiale, ribadendo la sua unicità ed abbattendo nuovi record.
20 Slam, 27 Master, 96 titoli Atp.
303 settimane passate in testa, contro le 286 del ‘secondo’ in questa speciale chart Pete Sampras.
Tutti i tennisti che erano insieme a lui nella Top10, 14 anni fa, si sono ritirati.
Lui invece è ancora lì, a incantare i campi di tennis e gli appassionati. Da numero uno.
Come se il tempo non passasse, mai.

Settimane al numero 1, la TOP10
1 Federer 303
2 Sampras 286
3 Lendl 270
4 Connors 268
5 Djokovic 223
6 McEnroe 170
7 Nadal 167
8 Borg 109
9 Agassi 101
10 Hewitt 80

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Marco 19 Febbraio 2018 at 18:46

    E’ la tipica risposta di no che proprio perchè è acculturato e conosce benissimo l’argomento, si ritrova a leggere tante stronzate messe assieme e non sapendo da dove iniziare è meglio mandarti a cagare. Anche perchè se uno scrive quello che hai scritto tu è praticamente una battaglia persa. Quindi ti rinnovo l’invito

  • PaniK0 19 Febbraio 2018 at 15:17

    tipica risposta di persona acculturata e intelligente la cui unica opzione (non avendo argomentazioni a riguardo con cui ribattere) è offendere. ciao plebeo

  • Marco 19 Febbraio 2018 at 0:40

    Ma vai a cagare!

  • Marco 19 Febbraio 2018 at 0:40

    E’ ridicolo minimizzare così, vuol dire non conoscere il tennis

  • Leore 18 Febbraio 2018 at 12:28

    nishikori infortunato, wawrinka idem, del potro idem, murray assente, nole assente, le nuove leve assenti. Non gli è stato difficilissimo arrivare al primo posto eh…

  • PaniK0 18 Febbraio 2018 at 0:28

    ma io gli riconosco tutti i suoi meriti. ma se ci fosse un lvl maschile minimamente decente non ci sarebbe mai riuscito, al momento il lvl maschile è davvero bassissimo, forse peggio del femminile 2015

  • lorenzino 17 Febbraio 2018 at 18:48

    quello che dici è vero paniko, ma fino ad un certo punto. certamente quest’ultimo exploit di federer è stato reso possibile anche dai problemi fisici di nadal, murray e djoker, da un ricambio generazionale abbastanza mediocre e dal fatto che tanti “campioni” non hanno fatto quel salto di qualità che tutti si aspettavano, rimanendo in una fascia di rendimento medio-alta (più media che alta), ma c’è da dire che federer c’è sempre stato, ha avuto una costanza e una serietà encomiabili, ha gestito le sue immense capacità come meglio non poteva, e oggi ne raccogli i frutti.
    è sempre stato un grandissimo, ha vinto tutto quello che c’era da vincere anche con una concorrenza spietata, ieri semplicemente ha riscritto per l’ennesima volta la storia del tennis e dello sport in generale.

  • PaniK0 17 Febbraio 2018 at 15:29

    complimenti a lui, ma io fossi negli altri tennisti mi vergognerei. Federer è immenso ma a quell’età non puoi essere numero uno del mondo, per una questione anagrafica, il fisico non dovrebbe permetterti di ottenere un risultato del genere. Senza Nole c’e proprio il vuoto. Stesso discorso può essere fatto al femminile

  • FRANCESCO 17 Febbraio 2018 at 14:31

    Stai scherzando vero???

  • Silly Shark 17 Febbraio 2018 at 13:19

    Mito del tennis e dello sport in genere!

  • Giacomo Recchia 17 Febbraio 2018 at 12:59

    e bonaggine

  • lorenzino 17 Febbraio 2018 at 11:15

    credo che nemmeno l’edizione completa del vocabolario della lingua italiana treccani abbia aggettivi sufficienti per spiegare la grandezza di quest’uomo e di quello che è riuscito a costruire in questi anni. di certo abbiamo davanti agli occhi uno dei più grandi campioni di tennis di tutti i tempi, se non il più grande (forse se la gioca con sampras e con lendl, ma non ne sono tanto sicuro) e un esempio formidabile (umiltà, dedizione, ostinazione nel suo significato più nobile) per i ragaźzetti che prendono in mano la racchetta e si avvicinano a questo sport meraviglioso. l’appellativo di king se lo merita proprio tutto, questo tennista straordinario…

  • Marco 17 Febbraio 2018 at 1:43

    Immenso, GOAT.