Mario Adinolfi senza vergogna: ‘non credo ai gay che si suicidano perché bullizzati, l’Italia non è un paese omofobo’

Condividi

adinolfi“Pietro Grasso è a favore delle adozioni gay? Errore colossale, ma non è l’unico che ha commesso il presidente del Senato. I suicidi dei gay? Esiste la tragedia dei suicidi, che non può essere tradotta come un qualcosa dovuto a un solo problema. Ne sono toccato personalmente, perché la mia unica sorella si tolse la vita. Quando leggo che un gay si è suicidato perché bullizzato, ci credo poco perché questo non è un Paese omofobo che bullizza i gay. E’ esattamente tutto il contrario. E’ un Paese che magari bullizza gli obesi. L’aborto? Se il Pdf ottenesse il 50% dei voti e governasse con un monocolore, abolirebbe il giorno dopo la legge sull’aborto. Ricordiamoci che la prima emergenza di questo Paese è la natalità, non nascono bambini. Il medico che pratica l’aborto è un assassino. La donna che abortisce è una persona che forse non ha colto pienamente quello che le accade. Grazie a Dio, il 70% dei medici è obiettore di coscienza in Italia. Chi pratica l’aborto andrebbe assolutamente cacciato dall’ordine dei medici. Lo dice chiaramente il giuramento di Ippocrate“.

Senza pudore.
Senza vergogna.
Semplicemente l’indifendibile e sempre più agghiacciante Mario Adinolfi.

Autore

Articoli correlati