x

Serena Grandi, Natale senza casa: ‘me l’hanno sequestrata con l’accusa di aver sottratto due padelle e una forchetta dal mio ristorante’

Condividi

grandi-k2xC-U43080126378066qK-590x445@Corriere-Web-Sezioni

«Mi hanno sequestrato casa per due padelle e una forchetta. Sono scioccata. Mi hanno accusata di aver sottratto dal mio ristorante degli utensili. Dopo l’ingiusta accusa per spaccio di cocaina mi mancava la bancarotta fraudolenta. Per un totale di 1.400 euro, poi: due padelle, qualche piatto e altri oggetti! Tutto apparteneva al mio ristorante, da cui ho preso e portato via gli oggetti che io avevo comprato. Poi i nuovi acquirenti falliscono, entra una curatrice fallimentare e ritornano a me. Loro non avevano saldato il tutto. Quindi la proprietaria ero ancora io. Tutto questo accadeva prima del Grande Fratello Vip. Una volta uscita io dalla Casa, esce la notizia della bancarotta».

Così Serena Grandi in un’intervista esclusiva rilasciata al settimanale Spy, in edicola da venerdì 22 dicembre, ha raccontato l’ultima disavventura giudiziaria che la vede coinvolta.
L’attrice ‘premio Oscar’ è stata accusata di bancarotta fraudolenta, per aver sottratto degli utensili dalle cucine del suo ristorante “La locanda di Miranda”, che è fallito.
In realtà la Grandi aveva venduto il locale, ma i nuovi acquirenti non hanno ultimato i pagamenti prima di chiudere e quindi lei risulta ancora proprietaria dell’esercizio. Per questo il tribunale fallimentare le ha pignorato l’abitazione a garanzia dei creditori.

«È la prima bancarotta della storia che non arriva a mille e cinquecento euro di totale». «Ma il colmo è che gli oggetti che hanno sequestrato li avevo pagati io. Mi sento vittima ancora una volta. Come quando mi dissero che spacciavo cocaina e io risposi: “Al massimo spaccio tortellini”. All’inizio scherzavo, poi mi hanno rovinato la vita. E oggi succede di nuovo: un altro caos che mi coinvolge. Non sono una donna fortunata. Ho avuto tanto, ma tanto mi è stato tolto. Sono molto dispiaciuta. Sento le lacrime, ma non voglio più piangere. Non posso più permettermelo. Continuo ad andare avanti, a testa alta».

Serenona mia, vai dalla giudice e sbrocca come solo tu sai fare.

C3f8GI5WEAAM-Nc

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Casalingua 23 Dicembre 2017 at 23:21

    Forse voleva dire: senza UNA delle casE?

  • Nicola 20 Dicembre 2017 at 23:57

    Pure io e Mauro siamo senza casa. Dopo complicate vicende, finiamo in una stanza con bagno nel podere dei miei, dovevamo restare lì per poco come soluzione temporanea e, sempre per complicate vicende, dopo due anni siamo ancora lì, sull’orlo di una crisi di nervi. Pure noi saremmo buon materiale per trash televisivo dalla scarsa credibilità

  • Kety 20 Dicembre 2017 at 15:39

    mi sembra abbastanza irreale