Damiano David dei Maneskin, ‘bocciato due volte, uscito di qui arriverà la 3° ma non torno sui banchi’

Condividi

Schermata 2017-12-14 alle 14.52.50

Schermata 2017-12-14 alle 14.53.28“Dove voglio andare dopo X Factor? A scuola. A pavoneggiarmi davanti a tutti i professori che dicevano che nella vita non avrei fatto nulla. Linguistico Montale di Roma. Il quarto. Anche se ho perso il conto: sono stato bocciato due volte e, visto che sto qua dentro, scatta automaticamente la terza bocciatura. Uscito da qui non tornerò tra i banchi. Lo dico con senso di grandissima rivincita. Per anni mi sono sentito dire non dovevo pensare alla musica, impegnarmi in qualcosa di serio ed essere responsabile”. Via GossipBlog

Così  Damiano David dei Maneskin  dalle pagine de IlMessaggero.
A poche ore dalla finalissima di X-Factor che potrebbe vedere il suo gruppo trionfare, il bel Damiano spezza inoltre una lancia a favore dei suoi fan. Etero e/o omo che siano.
Il giovine è single.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • serenity 15 Dicembre 2017 at 18:48

    Nicola, il diploma aiuta ad entrare negli alberghi e nei ristoranti migliori e a farti pagare di più. Ma se vuoi saperlo uno così con la sua arroganza, manco il cameriere va a fare che il capo di sala ti spedisce a calci nel culo fuori.

  • Lontra1989 15 Dicembre 2017 at 10:26

    Diploma, e spesso della scuola alberghiera.

  • iconic 15 Dicembre 2017 at 9:53

    bocciato pure a sto giro! lol

  • matt 15 Dicembre 2017 at 8:50

    Bravo che la zappa ti aspetta

  • serenity 15 Dicembre 2017 at 1:26

    si dell’aberghiero, altrimenti manco quello ti prendono più a fare.

  • Fabri 14 Dicembre 2017 at 23:52

    A me non preoccupa tanto lui, tipico sbruffoncello-fancazzista della Roma ‘bene’ (a Monteverde ci vivo, so bene di che Roma parlo) che forse un giorno si ricrederà. A me preoccupa che ormai i ‘valori’ siano questi per la stragrande maggioranza dei giovani. 20 anni di TV vuota e vanesia hanno trasmesso un messaggio pericolosissimo e fuorviante. Si sentono subito ‘sto cazzo, anche solo per aver completato un corso regionale, figuriamoci una laurea. Entrambi, infatti, non sono un punto d’arrivo, ma solo un inizio che premierà solo i più umili, i più seri, i più volenterosi. Non certo chi crede di avere la verità in tasca solo perché ha sculato agli esami o ha un pezzo di carta. In un mondo globalizzato, dove l’alfabetizzazione e la specializzazione sono alla portata di miliardi di persone, è difficile trovare spazio per uno con i controcoglioni, figuriamoci per un ragazzetto viziato che ha passato le giornate a strimpellare o a farsi le canne pagate dal papi e che crede che essere bocciati tre volte sia figo. Più in generale, anche meno.

  • Nicola 14 Dicembre 2017 at 22:42

    No, non serve il diploma

  • chiaaa 14 Dicembre 2017 at 22:21

    Ahahahaah

    Crede di essere “arrivato”. Sò malapena chi è perché ho letto due news incrociate su questo blog…altrimenti SAL CAZZO.

    Questo qui mi sa tanto di povero sfigato che crede che la musica e l’educazione non vadano a braccetto. Ah…che fine hanno fatto i tempi in cui le rockstar erano professori e facevano dottorati di astronomia…

    SFIGATO!

  • tentativo 14 Dicembre 2017 at 21:10

    cosa ti aspetti da sto montato?

  • Rei 14 Dicembre 2017 at 19:18

    Questo si sente già arrivato, andiamo bene…

  • Nicola 14 Dicembre 2017 at 19:16

    Ho capito, ha sbagliato i toni e il messaggio, però ha 18 anni a malapena, se ripenso io a come ero a quell’età… un po’ di immaturità ci sta

  • lorsi 14 Dicembre 2017 at 18:37

    E’ l’arroganza di un 18enne che ha tutto da dimostrare. Con la musica ancora non si sa come andrà ma intanto con la scuola ha fallito. E un fallimento è un fallimento, non ne sarei troppo orgoglioso. Studiare serve sempre, serve perfino a chi vuol essere un musicista/cantante migliore. Però è bimbo… ha tutto il tempo per ricredersi. E ovviamente succederà.

  • Mr Chucky 14 Dicembre 2017 at 17:44

    Si può pensare alla musica ma anche prendere un diploma.

  • Bless TheQueer 14 Dicembre 2017 at 17:21

    Io questo messaggio così sprezzante su quel poco (o tanto) di buono che può darti un’istruzione non lo avrei scritto manco fossi David Bowie…

  • gs 14 Dicembre 2017 at 17:18

    Complimenti! Un esempio per tutti… (Comunque ci vediamo tra qualche anno quando sarà nel dimenticatoio o si sarà sparato tutto in coca)

  • Francesco 14 Dicembre 2017 at 17:02

    Non mi sembra che fare musica escluda anche studiare per la propria cultura (peraltro linguistica) e maturità intellettuale
    Premesso che non vedo Xfactor (perché da un pezzo a questa parte è chiaramente diventato un carrozzone utile solo a chi lo gestisce, e non certo ai concorrenti in cerca di fama che invece scompaiono alla velocità della luce), credo che le parole di questo ragazzo siano un brutto messaggio per chi vorrà approfittarne e lasciare gli studi, ed aggiungo (ma posso sbagliarmi) che mi pare un pò esagerato gridare al miracolo artistico semplicemente perché Luca Tommassini gli ha messo un paio di stivali col tacco e l’ha fatto salire su un palo a fare due giri di pole dance…
    Comunque, che vinca lui ed il suo gruppo, e che venda un milione di milioni di copie

  • PAB 14 Dicembre 2017 at 16:22

    poverino, farà tristezza quando si accorgerà che la fama che manco l’ha reso tanto celebre scomparirà entro qualche mese e non avrà manco un diploma per fare il cameriere!

  • lorenzino 14 Dicembre 2017 at 16:11

    wow che toni trionfalistici, che strafottenza, proprio una cosa di cui andare fieri, questa terza bocciatura.
    ma poi grandissima rivincita de che? quali grandissimi risultati avrebbe già ottenuto? la finale di x factor? ‘sti gran cazzi… qualcuno lo informi che uscito dal quella trsmissione non tornerà sui banchi di scuola come dice, ma nemmeno finirà all’olimpico o a sansiro con 50mila persone davanti: se gli va bene continuerà a cantare canzonette nel suo inglese approssimativo (tornare in quel liceo linguistico forse tanto male non gli farebbe…) e a fotografarsi il culo su instagram.