Rebibbia, prima unione civile in un carcere italiano

Condividi

or161

Adriana e Camila, 25 e 29 anni, sono diventate le prime carcerate d’Italia ad unirsi civilmente.
Conosciutesi proprio dentro il carcere di Rebibbia, le due saranno libere tra il 2018 (Camila) e Adriana (2019).
«Siamo felicissime, sogniamo di poter vivere insieme fuori al più presto, anche se qui dentro ci siamo trovate ed è nato il nostro amore», hanno raccontato entrambe a LaRepubblica, per una prima storica unione civile in un carcere italiano.
«Ho sempre saputo di essere omosessuale. Ho avuto altre compagne, ma nulla di paragonabile a Camila. All’inizio avevo paura, non capivo se lei fosse davvero innamorata», l’ammissione di Adriana, polacca, coccolata dalla famiglia e dalle altre detenute per il lieto evento.
Auguri alle spose.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Personcina 30 Ottobre 2017 at 11:46

    Auguro loro con tutto il cuore un futuro radioso insieme. Soprattutto di trovare anche condizioni ed opportunità per restare lontane dalle mura del carcere.