Salento, altra casa vacanze omofoba: NO a persone che aderiscono all’ideologia “gender” e a coppie omosessuali

Condividi

Schermata 2017-07-29 alle 12.32.18

“Dopo il caso della coppia gay respinta da una struttura turistica di Vibo Valentia, i nostri soci ci hanno segnalato un altro annuncio analogo, questa volta in Salento”.
A denunciare l’ennesima vergogna tutta italiana Gabriele Piazzoni, segretario nazionale di Arcigay.
Si tratta di un appartamento a San Foca, vicino a Melendugno, nel Leccese, affittato ai turisti attraverso il portale CaseVacanza.it (QUI LA PAGINA).
Nell’annuncio, a fine pagina, è incredibilmente specificato: “non si accettano persone che aderiscono alla ideologia gender e coppie omosessuali anche se unite con rito civile”.
Alla reiterata richiesta di informazioni su questo punto i proprietari non hanno voluto dare risposte.
“È evidente – prosegue Piazzoni – che il prolungato vuoto normativo sull’omotransfobia in Italia sta producendo un fenomeno raccapricciante, una sorta di esibizionismo della discriminazione, forte di un’impunità garantita dalle leggi e dalla politica. È indispensabile allora mettere in campo un intervento strutturale e normativo che escluda l’omotransfobia, così come tutte le discriminazioni e i razzismi, dall’esercizio di servizi destinati al pubblico, anche se messi in campo da privati”. Duro anche l’intervento di Roberto De Mitry, presidente di Arcigay Salento: “La notizia dell’annuncio omofobo di una struttura turistica salentina ci indigna” . “Sarà proprio questa indignazione che porteremo nelle strade il prossimo 19 agosto a Gallipoli per il Salento Pride, la manifestazione che chiude la stagione dell’Onda Piride. Il nostro orgoglio sarà la rappresentazione palpabile della sconfitta di tutti questi omofobi”.

Autore

Articoli correlati