Isola, Eva Grimaldi tra coming out e outing con Vladimir Luxuria che la incita a salutare Imma Battaglia

Condividi

16602072_1535107113169044_4172442120928468074_o

Al 3° lunedì anche lo spirito di Imma Battaglia, da anni compagna di Eva Grimaldi, ha fatto comparsa sull’Isola dei Famosi.
Poco prima di partire per l’Honduras l’ex cougar di Pechino Express aveva per la prima volta parlato del rapporto che la lega ad Imma, ex consigliere comunale in Campidoglio nonché ex presidente Mario Mieli, con Vladimir Luxuria, in diretta, che l’ha ripetutamente punzecchiata.
Hai detto “Salutami Battaglia”? alla Caldonazzo?
Luxuria ha così posto l’ambigua domanda alla Grimaldi, che è inizialmente caduta dal pero con un ‘non ho capito la domanda’.
No, ho detto salutami l’Italia che è tutta una battaglia“, la replica di Eva, con Vladimir afflosciatasi sulla poltrona e alla fine quasi ‘costretta’ a salutare lei, al posto della Grimaldi, proprio la Battaglia con un ‘ciao Imma!’.
Un outing incapace di diventare coming out, ancora oggi, sinceramente evitabile, perché fastdioso nel suo girarci continuamente attorno. Quale possa essere la ‘paura’ che continua a bloccare la Grimaldi nel parlarne, anche se ormai risaputo, rimane poi un vero mistero.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • guardianodelfaro 16 Febbraio 2017 at 13:35

    Dovere di chi e di che cosa? Dovere verso me stesso vivere le dinamiche e sentirmi allineato al mio sentire, non essere obbligato a dichiararmi se non ne sento la necessità o se non mi va. Ognuno deve essere libero di essere quello che crede, senza la necessità di sentirsi giudicare da qualcuno su un forum e, tra l’altro, non ha nemmeno una foto profilo !!

  • guardianodelfaro 16 Febbraio 2017 at 13:33

    Perdonami, quando ti rivolgi ad una donna transessuale rivolgiti al femminile, non al maschile. Un’avida non un avido.

  • carlo 15 Febbraio 2017 at 20:58

    vuoto spinto confermato e ora ti blocco non ho alcun obbligo a rimanere esposto alla tua stupidità

  • Metallurgico 15 Febbraio 2017 at 19:44

    oltre al tuo?Oh quanto sei matta, sister!Mattissimissima!!

  • carlo 15 Febbraio 2017 at 11:24

    altro vuoto spinto

  • Metallurgico 15 Febbraio 2017 at 0:06

    In America le dive del pop si professano tutte pansessuali. Lo fanno esclusivamente per accreditarsi verso uno specifico target di pubblico da aggiungere al paniere complessivo. Anche questo è degrado. Perchè si vende ai giovani l’idea che il modello da seguire sia il mordere la vita provando tutto a 360 gradi e non fermarsi e guardarsi dentro cercando di costruire un percorso d’esperienze seguendo le proprie inclinazioni.Certo tutto può essere uno stimolo..ma se si passa la vita ad accumulare esperienze la nostra identità diventa solo la somma di quell’accumulo e nient’altro:la confusione.
    Il coming out non è un dovere civile ma una scelta. Se Grimaldi è lesbica e non lo dice anche le persone come te devono imparare a rispettarla.E’ la sua vita. E se le altre lesbiche hanno bisogno del suo modello per sentirsi giuste o sbagliate nel vivere il proprio orientamento sessuale hanno un problema molto più grosso della sua presunta ipocrisia.

  • Metallurgico 14 Febbraio 2017 at 23:39

    Lavora nel mondo dello spettacolo.E non è più molto giovane. Se professarsi lesbica per una ventenne è una spinta ai ruoli che gli vengono affidati…lo è meno per una over 45 (il ruolo di mamma o nonna negli ecumenici don mattei-bellodelledonne…ecc che ormai sono l’unica fiction televisiva che si produce e garantisce un impegno pluriennale chi glielo darebbe più?)
    Ma il problema più grosso è il male che potrebbe fare col coming out all’immagine dei suoi ex compagni primo in lista Gabriel Garko a cui affidano ormai solo ruoli da seduttore. (e quando girava le Fate Ignoranti era proprio il periodo in cui stavano insieme)
    Per me fa bene. Deve fare quello che sente. Chi gli da della repressa non sa nemmeno cosa voglia dire. Si è repressi quando non si fa quello che si desidera fare..mentre lei ama ricambiata chi desidera.

  • myname 14 Febbraio 2017 at 22:07

    1. finché non fa il cambio di sesso all’anagrafe, io mi rivolgo a lui come c’è scritto sul documento di identità (non mi venire a dire che non so cosa ci sia scritto, perchè scrivere una cosa falsa sul documento di identità è reato, e non credo che gli uffici comunali abbiano questa mania di protagonismo o di autolesionismo).

    2. la vita privata è privata, anche per i personaggi pubblici: nessuno ha il diritto di violare la riservatezza altrui, nemmeno se è un ex deputato, nemmeno se è un volto noto. il coming out è una scelta personale, e tale deve restare.

  • carlo 14 Febbraio 2017 at 20:43

    avete scritto tante cazzate, e probabilmente non hai i mezzi per capire quanto cazzate siano.

  • Manu__ 14 Febbraio 2017 at 17:35

    Mi fai molta più pena di un Adinolfi qualsiasi.

  • carlo 14 Febbraio 2017 at 17:06

    ma cosa cazzo scrivi? sono anni che stanno assieme che percorso di accettazione deve fare una che convive e ha una relazione con una attivista politica? ma non diciamo stronzate.
    tutti i personaggi famosi hanno l’obbligo morale di fare coming out specialmente quelli che tutti sanno essere omosessuali, per contrastare la politica oscurantista e omofoba di buona parte della politica, per evitare di diventare giocoforza e involontariamente esempi di froci accettabili perchè le loro cose le fanno in privato. per non dare all’esterno il segnale che ci sia qualcosa di malato o di cui vegognarsi della loro sessualità, quando stava con garko era sulle copertine dei giornali un giorno si e uno no.
    non me ne frega mulla di rispettare aprioristicamente tutti, non rispetto minimamente quello che scrivi, ne quello che scrive l’altro qua sopra e te lo dico senza bisogno di indorarti la pillola.

    avete scritto tante cazzate, e probabilmente non hai i mezzi per capire quanto cazzate siano.

  • Marco 14 Febbraio 2017 at 17:01

    La Grimaldi mi pare una abbastanza estroversa e sfacciata da fottersene di queste cose. Indi non credo proprio sia lesbica

  • Manu__ 14 Febbraio 2017 at 15:01

    Il tuo commento è pericoloso, come lo è l’arroganza con cui l’hai scritto.

    Il coming out non è un dovere, per nessuno. Ad ognuno deve essere data la possibilità di farlo, se vuole farlo, nei modi e nelle tempistiche che ritiene può opportuno. E’ apprezzabile e da applaudire chi decide di metterci la faccia, ma non è criticabile chi preferisce il contrario. Il percorso di accettazione che deve portare al coming out non è facile, può essere emotivamente devastante, sicuramente liberatorio dopo ma comunque difficile. E i cosiddetti personaggi famosi non sono supereroi: prima di essere famosi, sono persone con le stesse insicurezze, problematiche e difficoltà di chiunque altro. Quindi chiunque, e ripeto chiunque, deve essere rispettato per le scelte che sceglie di fare.

    Amate riempirvi la bocca di belle parole, parlando di “libertà”, di “accettazione” e tante altre belle cose, ma spesso siete primi a porre limiti alla libertà altrui e ad accettare a fatica le vite degli altri.

  • chiaaa 14 Febbraio 2017 at 14:16

    Se sei un personaggi pubblico Sì! È un dovere! E se non lo fai devi sentirti in colpa!

  • carlo 14 Febbraio 2017 at 14:06

    quando vendeva alla stampa il suo grande amore per gabriel garko cosa era posseduta da paris hilton in astinenza da twitter?

  • Lorenzo 14 Febbraio 2017 at 11:44

    Sono cazzi suoi..! Fa solo strano che un attivista come La Battaglia accetti tutto questo..

  • carlo 14 Febbraio 2017 at 10:46

    hai scritto una cazzata. anzi ne hai scritte due.
    punto primo il coming out è un dovere civile per le persone famose. la Grimaldi lo sanno anche i muri che è lesbica e convive con la Battaglia e il suo vergognarsene, tra reticenze e mezze parole, è un danno che reca alle altre persone lesbiche come se ci fosse qualcosa di sbagliato e da nascondere nella sua relazione. poi avesse scelto la commessa del negozietto sotto casa si è presa come compagna una attivista politica, dalle posizioni questionabili ma attivista rimane.
    punto secondo Vladimir Luxuria è una donna trangender quindi quando ti rivolgi a LEI, se non vuoi risultare un troglodita ignorante, usi i pronomi femminili.

  • lorenzino 14 Febbraio 2017 at 10:16

    non è che magari si chiama discrezione? o riservatezza? talmente siamo stati abituati in questi anni ad avere a che fare con personaggi (etero e gay, senza alcuna distinzione) che vendevano alla stampa amori, gravidanze, morti e via dicendo che ormai abbiamo leggermente perso il senso della misura. ma poi perchè luxuria non si fa i cazzi suoi?

  • Ned 14 Febbraio 2017 at 10:05

    Vladimir è un controsenso! Fa l’indignata perchè Raz si rivolge a lui parlando al maschile quando si capisce benissimo che non l’ha fatto con l’intento di offenderla ma solo perchè ha chiare difficoltà ad esprimersi in italiano e in compenso non dice nulla sul comportamento di Ceccherini che in diretta fa gesti e allusioni sessuali nei confronti di Urtis (e questa scenetta meriterebbe un post a parte, perchè un gesto del genere se fosse stato fatto verso una donna la Marcuzzi avrebbe tirato fuori una parentesi di 40 minuti).

  • Aran Banjo 14 Febbraio 2017 at 9:15

    la Sciura Luxuria e’ diventata una reazionaria eh… brava brava…

  • Patrick Padova 14 Febbraio 2017 at 2:47

    Sarà un problema suo se vuole fare coming out o anche su questo abbiamo da ridire?

  • guardianodelfaro 14 Febbraio 2017 at 1:44

    Repressa? Vivere facendosi gli affari propri significa essere repressi? Non è che uno debba sempre sbandierare ai quattro venti i propri fatti. Ognuno vive come crede.

  • myname 14 Febbraio 2017 at 1:05

    esatto. luxuria sembra un avido di popolarità che vive di scandalo.

  • Key- hit me Naomi 1more time 14 Febbraio 2017 at 0:26

    Ma saranno pure cazzi suoi direi…
    Non capisco sta forzatura del coming out ancora peggio dell’outing, ancora.

  • Mdzboy 13 Febbraio 2017 at 23:39

    NO all’outing!!! Schifosissima Vladimir e questo tipo di gente LGBT. Ognuno decide i suoi tempi, se la Grimaldi vuole vivere da repressa cavolacci suoi.

  • william 13 Febbraio 2017 at 23:30

    ma infatti….non la capisco. almeno qui a roma, lo sanno pure i muri che la relazione con Garko era tutta una montatura, che entrambi sono omosessuali e che la Grimaldi è fidanzata da anni con la Battaglia. io che abito da anni a roma, le ho viste tante volte insieme: nei locali gay, nei negozi di abbigliamento del centro, a capocotta al mare. sono inseparabili!