Chris Ball, gay picchiato a sangue da elettori repubblicano la notte del trionfo di Donald Trump

Condividi

01-768x369

Chris Ball, produttore cinematografico, stava assistendo alla nottata presidenziale in un bar della California, martedì sera, quando il clima si è surriscaldato a causa di alcuni sostenitori di Donald Trump.
‘La gente ha iniziato a lanciarmi insulti omofobi. Io ho reagito, ma non volevo provocarli’.
Quando Ball ha lasciato il bar, da solo, è stato aggredito da un gruppo di balordi, che l’hanno picchiato e preso a bottigliate sulla testa.
Svenuto e ricoperto di sangue, Chris è stato ritrovato in un vicolo dagli amici, che hanno subito chiamato l’ambulanza.
‘Sono abbastanza di buon umore, è l’unico modo per gestire la cosa. Sono vivo e vegeto, e sono ancora molto gay’. Così come loro, ovvero quelli che l’hanno ridotto in questo modo, sono ancora molto, ma molto stronzi.

02-768x463 03-768x516

Autore

Articoli correlati

Comments

  • chiaaa 11 Novembre 2016 at 21:33

    Tutto ciò fa paura. Speriamo resti un caso isolato per via del caos di questi giorni. Queste cose, purtroppo, succedevano anche nell’amministrazione Obama e succederanno sempre.

  • Gays for Trump 11 Novembre 2016 at 19:59

    Dove sono adesso gli omosessuali che hanno votato Trump?