Giorgia tra mondo LGBT e Sanremo a Gay.it: ‘in gara non potrei ma sarebbe molto carino tornare’

Condividi

a1yxrql4n-l-_sl1500_

‘Un mio amico, scherzosamente, dice sempre che c’è un gay in ognuno di noi! Scherzi a parte, non me lo sono mai chiesta. Sono un’anima buona, che rispetta tutti, soprattutto quelli che vivono, ancora oggi, un pregiudizio. Sono una pacifica convinta e forse, al pubblico, arriva anche questo messaggio. Penso anche che bisognerebbe tornare a fare educazione civica in un certo modo. Dobbiamo togliere le streghe dai libri, le matrigne cattive e il cacciatore che uccide tutti e diventa un eroe. Sono tutti stereotipi che vanno dimenticati. Posso farti un esempio? Ho una coppia di amici che viene spesso a casa da me e, a mio figlio, dico da sempre che quello è il compagno e non un amico. Se una cosa viene spiegata e vissuta con normalità, non ci sarà mai bisogno di dare troppe spiegazioni. Il cambiamento sociale deve partire sempre prima da noi. Vedi anche con gli immigrati: “Ci minacciano; ci contagiano.” Sento spesso queste assurdità, quando basterebbe iniziare a lavorare su noi e non a fare pensieri di chissà quale natura’.

Così Giorgia, via Gay.it ad Alessio Poeta, ha parlato del proprio rapporto con il mondo LGBT, a dir poco strettissimo, per poi rilanciare con il papabilissimo ritorno sanremese.

‘Per ora non c’è niente di confermato. E’ un po’ che manco e sarebbe molto carino tornare, soprattutto ora con il disco nuovo. In gara non potrei. Non ce la farei, anche se immagino che per il grande pubblico sarebbe davvero divertente’.

Praticamente super ospite all’Ariston.
E andiamo!

Autore

Articoli correlati