Claudio Gabellini, generale dell’Aeronautica: un militare gay che si sposa NON deve avere trattamenti discriminanti

Condividi

 

tumblr_m9osyxf54j1qgyxlto1_1280

 «Ricordo a tutti che il militare che dovesse fare “outing” o intendesse unirsi civilmente con altra persona dello stesso sesso, ovvero conviverci, non può e non deve avere valutazioni e trattamenti diversi dall’ordinario. Sarà considerato illegittimo ogni commento o comportamento teso a denigrare e offendere la reputazione di detto personale. Tutti i militari, a nulla rilevando le proprie scelte e orientamenti, dovranno essere valutati disciplinarmente soltanto laddove il contegno e la condotta non fossero in linea con i dettami dello specifico status» (via LaRepubblica).

Pensieri e parole di Claudio Gabellini, generale dell’Aeronautica che tramite comunicazione interna si è così rivolto al Comando delle forze da combattimento.
Una presa di posizione necessaria dopo l’unione civile che ha coinvolto due militari, ovviamente rimasti anonimi.
L’associazione Polis Aperta stima che i gay in divisa in Italia siano addirittura 19.000, fra forze armate, carabinieri, polizia, guardia di finanza e polizie locali.
Fondamentale, rimarcano dall’associazione, contrastare l’omofobia in caserme e nei commissariati, così come garantire accesso ai ruoli operativi per i transessuali.
La speranza, dopo questa presa di posizione di colui che è stato il primo italiano nominato Chief of Staff del Nato Air Command, è che qualcosa si possa finalmente muovere.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • marco 5 Ottobre 2016 at 16:52

    io invece non lo trovo un fidanzato, ne militare, che civile

  • meio_real 5 Ottobre 2016 at 15:09

    E il pensiero vola subito al mio ex ragazzo che avrei sposato dal primo giorno…