Air France, steward gay chiedono alla compagnia di non mandarli più in IRAN

Condividi

im_so_excitedstewards-crop-rectangle3-large

 

Una presa di posizione senza precedenti.
Gli steward dichiaratamente gay di Air France hanno dato vita ad una petizione on line per chiedere alla propria compagnia di non inviarli più in Iran, paese in cui l’omosessualità viene punita con la pena di morte.

‘Ovviamente il nostro orientamento sessuale non è scritto sui passaporti e non cambia in alcun modo il nostro modo di lavorare, ma è inconcepibile forzare qualcuno ad andare in un Paese in cui le persone come te vengono condannate solo perché sono quel che sono’

Nella lettera indirizzata ai capoccioni dell’azienda si sottolinea come l’omosessualità in Iran venga punita con una pena che va dalle 74 frustate alla morte.
Air France vola anche in Arabia Saudita, Uganda e Zimbabwe, Paesi in cui essere gay, proprio come in Iran, è vietato per legge.
Anche le hostess hanno preso posizione, sottolineando come non vogliano essere costrette ad indossare il velo.
Da parte dell’azienda, per ora, nessuna risposta, ma certo è che se a tutti gli steward gay venisse concessa l’opportunità di non viaggiare in Iran, a portare avanti i voli rimarrebbe probabilmente solo lui.

zzz15

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Nome 13 Aprile 2016 at 20:36

    Da un lato, si’, hai ragione, se vai in un posto del genere devi seguire la legge e non c’e’ bisogno di andare a cercare/creare certe situazioni. Poi, pero’, non e’ che uno si fa riconoscere come omosessuale in base al trombare (mi sembra anche un po’ riduttivo buttarlo subito su quello), ma se sei dichiaratamente gay e hai un partner e i tuoi colleghi lo sanno, magari a qualcuno scappa di parlarne e se questo ha conseguenze essere li’ diventa problematico. In ogni caso, non so se la legge si riferisca a persone omosessuali o a
    atti omosessuali, che sono due cose diverse. So che in alcuni emirati
    arabi vogliono introdurre la legge di proibire l’entrata nei loro paesi
    di persone omosessuali o sospettate di essere tali.

    Cmq, d’altro canto qualunque azienda (in questo caso Air France) ha il dovere di tutelare la sicurezza dei propri dipendenti, e se manda persone omosessuali in un paese che ha leggi che proibiscono l’esistenza di persone omosessuali, allora l’azienda non sta facendo il suo dovere.

  • Francesco 13 Aprile 2016 at 20:30

    Sei lento a capire…
    Si rifiutano di andare in un paese di merda. Capisci adesso?

  • La sentenza 13 Aprile 2016 at 19:42

    Pure se fosse saranno cavoli loro!

  • Alf 13 Aprile 2016 at 18:36

    Lo hanno detto: non è mica scritto sui passaporti che sono gay, non rischiano nulla, a “farsi montare” in Iran non ci pensano neppure (mica sono pazzi).
    Prima di abbassare le cose ai tuoi livelli, hai mai sentito parlare di principi? Sai cosa significa avere una dignità? O conosci solo il “farsi montare”?

  • Watkin 13 Aprile 2016 at 18:01

    Ma infatti, non possono tenerlo segreto come si faceva nel Medioevo? Che ci vuole? Che pretese, che ha certa gente.

  • franco 13 Aprile 2016 at 17:34

    Pensa ad un paese dove la gente stupida fosse condannata a morte, tu ci andresti?

  • Guest 13 Aprile 2016 at 17:33

    Che commento idiota.

  • Lover 13 Aprile 2016 at 17:10

    Preciso!

  • Enrico 13 Aprile 2016 at 17:08

    hai il pollice oppobibile?
    si chiama amor proprio. non vogliono andare perche in quanto gay, trovano irrispettoso verso se stessi, mettere piede in un paese che ti punisce con la morte.

  • Boh! 13 Aprile 2016 at 16:39

    Questa volta hanno ragione, anche le hostess di Air France si erano lamentate per quei voli.

  • Boh! 13 Aprile 2016 at 16:39

    Anche le hostess si erano lamentate perchè costrette ad indossare velo e pantaloni nei voli per paesi come l’Iran. Hanno fatto bene!
    E’ ora di dire basta con questa sottomissione agli islamici.

  • Frederik 13 Aprile 2016 at 15:50

    Ma perchè è così evidente quando mettono piede in Iran che sono gay e rischiano la vita? Devono perforza andare in qualche locale a farsi montare?