Mr. Gay Belgio, un musulmano praticante per la prima volta in finale

Condividi

Schermata 2016-03-23 alle 20.55.01

36 ore dopo i terrificanti attentati di Bruxelles, ecco arrivare una notizia di profonda e civile inclusione da parte del devastato Belgio.
Abdellah Bijat Laaraichi è infatti diventato il primo musulmano praticante a volare in finale al concorso Mr. Gay Belgio.

‘Voglio dimostrare che il 2016 dovrebbe essere un anno di svolta per aprirsi a tutte le altre culture, Islam in testa, al fine di vivere in pace. Dovrebbe essere possibile per tutti accettare le persone così come sono. Il Corano dice che dovremmo tollerare ed accettare l’altro, questo significa che dobbiamo rispettare gli altri indipendentemente dalle loro scelte e dal loro stile di vita’.

Nella storia del concorso c’erano già stati altri musulmani ma mai praticanti, con la famiglia di Abdellah che ha sostenuto la sua candidatura, infrangendo così un tabù ancora oggi in piedi. Nessuno, ovviamente, ha osato polemizzare sulla sua presenza dopo il delirio terroristico che ha coinvolto il Belgio in questi ultimi mesi.
Provate ad immaginarvi cosa sarebbe potuto accadere in Italia.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Luca 24 Marzo 2016 at 11:42

    …e?

  • Frederik 24 Marzo 2016 at 1:27

    Io so solo che finora in Italia non è mai successo nulla mentre i Belgi o i francesi non se la stanno passando molto bene. Così eh…

  • Lubamba Redenta 24 Marzo 2016 at 0:01

    Non mi interessa se è musulmano praticante o cristiano o scientologist,la cosa importante è che sia attivo

  • Marcel P. 23 Marzo 2016 at 23:57

    Non è una gran bellezza ma non è male, abbiano visto mister gay peggiori. Che sia musulmano è un buon segnale.

  • Laicità 23 Marzo 2016 at 22:08

    Non mi interessa se è musulmano praticante o cristiano o scientologist,la cosa importante è tenere fuori la religione dalla vita pubblica

  • Shkval 23 Marzo 2016 at 21:46

    Diciamo che c’erano stati musulmani non talmente ipocriti da affermare di essere praticanti invece, che è più sensato, e che certa gente proprio non ce la fa ad essere onesta con se stessa.