“A noi Foffo non piacciono i gay ma le donne vere”, l’incredibile difesa omofoba del padre di Manuel Foffo

Condividi

valter-foffo_980x571

Dopo i legali e i familiari della vittima Luca Varani, che da giorni vanno in giro a sottolineare come loro figlio non fosse un escort omosessuale bensì un fedele fidanzato eterosessuale, anche il padre di Manuel Foffo ha voluto rimarcare l’assoluta (dice lui) eterosessualità del figlio assassino, via Il Messaggero.

“A noi Foffo non ci piacciono i gay, ci piacciono le donne vere. E mio figlio non è da meno”. “Mio figlio non è gay e sì, è stato ricattato da Marco Prato“.

Parole che hanno davvero dell’incredibile, perché nell’Italia delle unioni civili che si apprestano a sbarcare alla Camera due famiglie devastate dal dolore, chi per un figlio brutalmente assassinato e chi per un figlio brutale assassino, sembrerebbero avere un’unica preoccupazione da gestire, al momento. Ovvero ribadire l’eterosessualità dei propri pargoli. Tutto ma non froci. Omofobia implicita e al tempo stesso esplicita che esplode con fragore sugli schermi di Porta a Porta, de Le Iene, di Chi l’ha Visto e sui giornali, tra interviste e rivelazioni, tutte centrate sulla ‘normalità’ di Luca e Manuel. Il primo piombato in quell’appartamento per ‘120 euro’, e il secondo ‘minacciato’ da Prato, dicono loro, con un filmino di un pompino girato la notte di Capodanno. D’altronde quale eterosessuale si ritroverebbe a fare una pompa ad un ragazzo? Se non fosse che di normale, in questa atroce vicenda di cronaca nera, non ci sia davvero nulla. Orrenda rappresentazione mediatica a parte. Ma tacete e chiudetevi nel vostro dolore, invece di aprir bocca per dire simili oscenità.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • !_!M!_! 20 Marzo 2016 at 9:55

    mamma che tristezza sta gente, ma rassegnati Foffo le prove del festino sessuale sono abbastanza palesi…

  • Key- hit me Naomi 1more time 19 Marzo 2016 at 15:16

    Ragazzi è importante far sapere che essere:
    criminali, mostri, degenerati, assassini, depravati, brutali, psicopatici, omicidi, disturbati, killer, crudeli, feroci, malvagi, spietati, violenti, e inumani è sempre meglio che FROCI.
    Benvenuti in Italia.

  • dubbioso.. 19 Marzo 2016 at 8:48

    E quindi Foffo ha un padre omofobo ed una madre succube e sileziosa, una schiava insomma. Ancora una volta la famiglia tradizionale che esprime i suoi sani principi…

  • Gnigno 18 Marzo 2016 at 21:28

    Beh caro Foffo senior adesso voglio proprio vedere tuo figlio dentro il carcere “circondato” da molte DONNE VERE……buon divertimento foffa!

  • b fed 18 Marzo 2016 at 20:58

    che squallore.. che buttino tutti dentro e gettino la chiave !

  • Cozza Pelosa 18 Marzo 2016 at 20:23

    Ma davvero questo con un figlio efferato e violento assassino, sta a pensare all’eterosessualità (a noi foffo???)?
    e poi diciamolo, LALLERO.

  • Marcel P. 18 Marzo 2016 at 19:54

    Meglio assassino che frocio, meglio drogato che frocio, meglio fallito che frocio. Nell’Italia del 2016, ancora basato su dio-patria-famiglia, qualsiasi cosa è meglio di frocio. L’essere frocio è peggio di qualsiasi ignominia, di qualsiasi schifezza, di qualsiasi orrore.

  • Nic 18 Marzo 2016 at 19:27

    Taci generatore di criminali!!!!

  • Jesse 18 Marzo 2016 at 19:18

    Ad ogni modo si è qui a parlare per colpa del figlio non per il senior. Il figlio era ed è pericoloso, il figlio ha ucciso, il figlio è un’assassino, il figlio è un gay non dichiarato, il figlio non si accetta per quello che è.

  • R 18 Marzo 2016 at 17:39

    che gente del cazzo… però mi chiedo, più concretamente, quanti “Foffo senior” travestiti da amici o semplicemente silenziosi, ci siano in giro e dai quali sarebbe meglio guardarsi bene alle spalle, parandosi leggermente il culo. Gente pericolosa che nemmeno se gli muore un figlio riceve anche solo una minima illuminazione. Gente nera, gente del buio. Gente della morte. Mi chiedo se ignorare proprio questa gente sia la cosa più giusta da fare. Oltretutto per ignorarli volontariamente occorre comunque identificarli e capirli, che forse è la cosa più penosa di tutte da fare perchè, come minimo, lascia l’impressione di perdere tempo. Tempo per essere felici facendosi i cavoli propri per esempio. Di certo è meglio tener conto una volta per tutte che loro sono i veri nemici. Gente alla “Foffo” per dirla spiccia. Da loro sembra provenga solo odio. Sembra non potranno mai redimersi (ciò che giustificava un certo “lasciar correre” quella specie di “speriamo in futuro… col tempo capiranno,,,”). Forse Foffo senior preferisce additare una responsabilità di fondo alla questione omosessualità per poi rigettarla come causa esterna ed estranea al suo mondo. Forse soffre tantissimo ed il suo modo per proteggersi dall’annientamento psico-emotivo è quello di dare la colpa di tutto a qualcosa di fuori da sè e dalla propria famiglia, quindi anche suo figlio. Meccanismo di negazione molto ma molto ad oltranza che anche se comprensibile, mi spiace dirlo, non è assolutamente più accettabile soprattutto laddove amplificato dai media.

  • Marco 18 Marzo 2016 at 16:31

    Ma voi amanti della bella vita e del deretano aperto mica lo conoscete bene e vi siete fatti sfondare da quel tizio? Ha pure detto che si sentiva una donna! Non solo era gay ma indecisa tra attivo e passiva. Se fosse riuscito a suicidarsi sarebbe stato meglio.

  • lorenzino 18 Marzo 2016 at 16:21

    sbaglio o foffo junior è quello che ha dichiarato al pm che avrebbe voluto uccidere il padre e che tutto quello che ha fatto, l’ha fatto per vendicarsi di lui?
    bene, proporrei ai magistrati di lasciarlo a piede libero per qualche ora così da poter esaudire questo suo impellente desiderio…

  • Francesco Di Gran Pulse 18 Marzo 2016 at 15:54

    Eh beh certo,per la serie:”Meglio un figlio morto che frocio”

  • Signorino tumistufi 18 Marzo 2016 at 14:51

    Si è giunti ad un confine ancora inesplorato, una nuova frontiera : MEGLIO ASSASSINO , MASSACRATORE e DROGATO che gay! Non vi sembra giusto ? Questo uomo si merita il figlio che ha . Già per il fatto che non si fosse accorto , o fingeva di non sapere che suo figlio era un drogato cronico , dice tutto sul personaggio

  • Pat 18 Marzo 2016 at 13:45

    La solita italietta da bar di paese. Se non è frocio, ci penserà il carcere a fargli provare nuove sensazioni.