Orietta Berti favorevole alle adozioni gay: perché dovremmo negarglielo, siamo in democrazia!

Condividi

ORIETTA-BERTI-02

Sono d’accordo con le adozioni gay, sempre meglio di farli restare in un orfanotrofio. Ho la fortuna di conoscere tantissime persone omosessuali che sono veramente delle brave persone, dei veri amici, onesti e persone per bene che aiutano sempre il prossimo. Invece ci sono persone etero che hanno 10 figli in giro, si rifiutano di mantenerli o riconoscerli per cui mi chiedo che senso ha? A me non interessa se la persona sia omosessuale, o quale sia la sua religione o in quale Partito Politico appartenga; a me interessa che sia una brava persona. Ripeto ho tanti amici omosessuali che si sono uniti in matrimonio e vivono felici e non danno disturbo a nessuno e sono persone molto altruiste. Se queste persone hanno il desiderio di diventare padri o madri , non vedo perché glielo si deva negare. D’altronde vogliono solo dare il loro affetto ai bambini. Ci sono padri che anziché badare ai loro figli, vanno a cercare avventure con altre donne e spesso anche le madri fanno la stessa cosa. Il bambino cosa se ne fa di una mamma se non sa fare la mamma o cosa se ne fa di un papà se non sa fare il papà. E’ una cosa del tutto ridicola!
Ad esempio ci sono persone che stanno sempre tutto il giorno in chiesa, preferisco persone che non vanno mai in chiesa purchè siano oneste e preghino facendo del bene.
Se due persone dello stesso sesso, si vogliono bene e vogliono avere un figlio (non perché siano egoiste) ma per volerlo bene e dargli un futuro perché dobbiamo negarglielo? D’altronde siamo in democrazia!‘.

Intervistata da Rita Sberna, Orietta Berti show sulla strada del DDL Cirinnà.
Perché Suor Sorriso vince, sempre.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Boh! 6 Febbraio 2016 at 20:20

    Bè, considerando la questione della Stepchild Adoption, ha ragione lui. Non passerebbe!

  • lorsi 5 Febbraio 2016 at 18:09

    Invece è proprio la Democrazia ad entrarci in pieno!
    Uguali diritti li puoi chiedere solo in uno Stato Democratico.
    Uguali doveri già ci sono perchè io lavoro, pago le tasse, rispetto le leggi…. perchè non devo avere quello che è garantito agli altri?

  • Shkval 5 Febbraio 2016 at 16:37

    Da quello che hai scritto abbiamo la certezza che lei lo ha capito, tu invece ti confondi con la demagogia.

  • Simone 5 Febbraio 2016 at 15:33

    Sei serio?

  • Personcina 5 Febbraio 2016 at 14:33

    Infatti in tutte le demovrazie i gay sono perseguitati e nelle dittature si sposano e adottano.

  • lorsi 5 Febbraio 2016 at 10:10

    Quando la sento penso sempre che sia una persona gentile e carina.
    Anche lei in fondo è sempre stata discriminata. Per il suo modo di essere e per una parte del suo repertorio leggero (ma certe canzoni poi sono realmente diventate cultura pop!) è sempre stata snobbata dalla critica. Invece ha una delle + belle voci tra le cantanti della sua generazione.
    Ora la scopriamo intelligente, sensibile e di buon senso. Brava!
    Futura icona gay? 🙂

  • myname 5 Febbraio 2016 at 0:19

    peccato che questo argomento non c’entri nulla con l’essere in democrazia. se dovesse prevalere il principio di democrazia, allora la legge Cirinnà NON passerebbe.