x

Susan Sarandon contro Hillary Clinton: troppo facile dire sì ai matrimoni gay quando il vento è cambiato

Condividi

Susan-Sarandon_1996_glamour_26feb14_pa_b_592x888

‘E’ una cosa diversa essere a favore dei diritti dei gay e dei matrimoni gay una volta che tutti la pensano in questo modo. Così è troppo facile’.
Susan Sarandon, premio Oscar nonché attivista politica, ha così sostenuto il candidato democratico Bernie Sanders, vera spina nel fianco di quella Clinton che in ambito sondaggi ha perso parte di quel folle vantaggio di cui poteva disporre fino a pochi mesi fa.
L’ex first lady ha infatti cambiato idea, nel corso di questi ultimi anni, sui matrimoni gay. 12 anni fa, quando era al Senato, Hillary tuonava: “il matrimonio è un vincolo sacro tra un uomo e una donna”.
Poi il cambio di rotta, deciso e vistoso, con una campagna elettorale che più è volte si è spesa a favore degli omosessuali. Ed è qui che non posso dar ragione alla Sarandon. Perché solo le persone idiote non cambiano idea, se visibilmente dal lato sbagliato della storia.
E la Clinton è una persona intelligente.

Autore

Articoli correlati