Italo, ora arrivano le SCUSE (ma il Codacons DENUNCIA) – è il trionfo dell’inefficienza comunicativa

Condividi

1° stato social – 24 gennaio:

Schermata 2016-01-24 alle 11.48.15

2° stato social – 24 gennaio:

Schermata 2016-01-24 alle 17.02.34

3° stato social – oggi, 25 gennaio:

Schermata 2016-01-25 alle 16.39.35

48 ore di fuoco per Italo, finito nel tritacarne delle polemiche a causa degli sconti pro-Family Day che hanno scatenato il web. Proteste paradossalmente alimentate dalle comunicazioni ufficiali pubblicate sull’account Facebook di Italo, a dir poco BORDERLINE nel gestire la ‘drammatica’ situazione.  Roba da TOPO GIGIO alla comunicazione, che è evidentemente loro sfuggita di mano. Il Codacons ha infatti deciso che presenterà un esposto dinanzi l’Autorità Garante della concorrenza.
Vogliamo capire se concedere sconti sulle tariffe in favore dei clienti che partecipano ad un evento politico come il Family Day sia una pratica lecita e corretta, e se Ntv abbia applicato medesima scontistica agli utenti diretti alle manifestazioni pro-unioni civili. Se emergeranno da parte dell’azienda decisioni commerciali diverse a seconda della tipologia delle manifestazioni pubbliche, si rischierebbe un uso politico di un servizio pubblico come il trasporto ferroviario. Per tale motivo con il nostro esposto – senza entrare nel merito delle decisioni di Ntv – chiediamo all’Antitrust di aprire un fascicolo sulla vicenda e verificare se il caso configuri o meno pratiche commerciali scorrette o altre fattispecie sul fronte della concorrenza e dei diritti degli utenti‘.
Insomma, non finisce qui.
In attesa di un nuovo stato Facebook

Autore

Articoli correlati

Comments

  • p 26 Gennaio 2016 at 10:54

    il codacons fa il suo lavoro da associazione consumatori: cerca visibilità per far parlare di sé (e ricevere quindi nuove iscrizioni)

  • matt 25 Gennaio 2016 at 21:45

    Il vero errore è stato quello dei due primi comunicati. E’ ovvio che l’appoggio al inFamily day è puramente economico (un rifiuto dello sconto sarebbe stato virtuoso, ma capisco che i soldi a un’azienda in crisi come Italo fanno gola), ma come sono state gestite le “scuse” è stato offensivo e vergognoso. Con il terzo comunicato si sono ripresi, l’avessero emesso da subito si sarebbero risparmiati una bella figura di merda

  • Angelo 25 Gennaio 2016 at 21:12

    Siccome è l’unico orecchio da cui sentono tutti… #evItalo

  • Luca 25 Gennaio 2016 at 16:57

    soprattutto, se avessero cercato tra le varie offerte che hanno fatto negli ultimi anni (SPERO tengano un database da qualche parte!) ed avessero presentato fin da subito la controprova dello sconto che fecero per un pride, la polemica si sarebbe sgonfiata subito!

    Il comunicato del Codacons però mi sembra un po’ assurdo.