AussieBum, i ricavi di due boxer andranno alla campagna pro matrimoni gay in Australia

Condividi

Che AussieBum, marchio d’intimo più famoso tra i gay di mezzo mondo, dica sì ai matrimoni omosex è a dir poco scontato.
Meno, invece, che devolga il 100% dei proventi di due BOXER, uno da 15 dollari e uno da 16.51 dollari, alla campagna pro matrimoni gay in Australia. Il primo ministro Tony Abbot si è più volte opposto ad una legge che autorizzi le nozze tra persone dello stesso sesso, tanto dall’alimentare l’Australian Marriage Equality, gruppo di attivisti che da mesi pressa tanto i parlamentari quanto l’opinione pubblica per dare una svolta epocale nel campo dei diritti glbtq ‘aussie’.
Quindi da dove iniziare, se non cambiando le proprie mutande (cliccate qui per comparle).

Autore

Articoli correlati