x

Modena, parla la ‘mamma vandala’

Condividi

Grazie per lo spazio che hai dedicato alla nostra piccola protesta.
Consapevole della pochezza del nostro disagio di fronte ad un problema così complesso, vorrei aggiungere solo poche righe a quanto già espresso.
Prima di avere la mia bambina ero una persona che auspicava un figlio etero perché uno gay avrebbe significato per lui/lei un’esistenza difficile. Che, probabilmente, non ero pronta ad affrontare io stessa.
Ora che mia figlia ha 8 anni mi sono resa conto di quanto tutto ciò fosse limitato ad un’idea di felicità da genitore.
Un figlio può essere felice a prescindere da quello che ci di augura per lui/lei.
Quel poco che ora so é che la varietà di vita che mi presentano mia figlia e i suoi amici é una ricchezza per noi che, alla soglia dei 40 anni, non ci sentiamo vecchi, ma che non riusciamo a pieno a rispecchiarci in loro senza dare un giudizio.
La felicità di un figlio non la costruisci e non la aspetti…. La vedi negli occhi e nei gesti…anche e soprattutto in quelli che non ti aspetti.
Spero solo di riuscire ad assecondare i suoi desideri di felicità senza filtrarli con una morale stupida ed omologatrice per andare a dormire tranquilla la notte.
Spero.
Con questo chiudo la mia parentesi.
E ti mando un bacio grande grande.
A te, che con un’ironia leggera leggera…mi fai dimenticare quanto possa essere pesante scontrarsi con i pregiudizi e le ipocrisie….che tanto ci fanno sentire sicuri.

Un bacio da rigirare immediatamente all’ormai famosa ‘mamma vandala di Modena‘, perché è con una simile generazione di genitori che l’Italia, tra una ventina d’anni, potrà dire di aver definitivamente sconfitto la piaga dell’omofobia.

Autore

Articoli correlati