Matrimonio gay, l’IRLANDA ha detto SI’ con il 62,3 per cento dei voti

Condividi

Lo spoglio del REFERENDUM è iniziato questa mattina e i risultati ufficiali sono finalmente arrivati: l’Irlanda ha detto SI’ al matrimonio gay con il 62,3 per cento dei voti.
Aodhan O’Riordain, ministro per le pari opportunità, ha twittato la notizia del giorno.
Più che una vittoria un TRIONFO.
Numeri inattaccabili da tutto il Paese, con DUBLINO apripista oltre il 70%.
Persino il Capo del Governo, fino a pochi anni fa dichiaratamente CONTRARIO ai matrimoni tra persone dello stesso sesso, negli ultimi mesi ha fatto CAMPAGNA Pro-Nozze gay, invitando gli irlandesi a votare il cambiamento.
E cambiamento sarà.
Storico, epocale.
L’omosessualità da queste parti è stata ILLEGALE fino a 22 anni fa. Erano gli anni ’90. L’aborto lo è ancora oggi. Per decenni l’Irlanda è stato il Paese più cattolico praticante e conservatore d’Europa, e invece oggi, per volere dei suoi stessi elettori che si sono catapultati in massa alle urne, ha voltato pagina.
L’undicesimo Paese dell’UE a farlo.
L’undicesimo, il ventiduesimo in tutto il mondo. Ma anche il primo a farlo tramite consultazione POPOLARE.
L’Italia, neanche a dirlo, è ferma all’età della pietra dei diritti. A noi non ci resta altro da fare che guardare, invidiosi, i passi avanti degli altri.

Autore

Articoli correlati