Carlo Aveta, il fascista che appoggia il PD in Campania rilancia: sto con MUSSOLINI non con i gay

Condividi

Scrivo un post al giorno. Si può ancora dire in un Paese libero e democratico che i gay mi fanno schifo. Ritengo che una persona può fare quello che vuole ma nella pubblica strada se due persone si baciano nude è indecente anche se lo fanno due etero per una questione di decoro pubblico”. “Sono pronto a discutere delle unioni civili ma dinanzi al matrimonio no. Sono contrario alle adozioni per i gay. Se chiediamo a 10 italiani se si indignano di vedere persone nude che si baciano, probabilmente 9 su 10 la pensano come me. Il fascismo? Butto via l’antisemitismo e la guerra ma lo Stato sociale ha risollevato l’Italia dalle macerie della guerra. Per questo mi fermo al 1936. Le dittature sono negative ma non possiamo dire che Mussolini fece cose negative. La sanità, la previdenza e le opere pubbliche di Mussolini non sono certo da buttare via“.
Via Radio Club 91 Carlo Aveta, ex esponente della DESTRA di STORACE ora candidato al consiglio regionale della Campania con le liste civiche del piddino Vincenzo De Luca, ha così difeso la propria posizione omofoba esternata lo scorso anno via Facebook e nelle ultime 24 ore venuta alla luce.
Ci ritroviamo quindi dinanzi ad un conclamato fascista che appoggia il Partito Democratico.
A questo siamo arrivati.
E Matteo Renzi, non solo Presidente del Consiglio ma anche Segretario di Partito, che ne pensa a riguardo?

Autore

Articoli correlati