x

Chillo è nu buon guaglione, l’omaggio di Pino Daniele alla prima storica trans napoletana

Condividi

Come scritto questa mattina, non sono mai stato un fan di Pino Daniele.
Ecco perché non ci sono stati coccodrilli lacrimosi sulle pagine del blog, come non avvenne poche settimane fa con Mango.
Non amo particolarmente il finto cordoglio, il falso dispiacere e soprattutto l’inesistente interesse postumo nei confronti di un’artista, che sia cantante, attore o quant’altro. Produrlo solo per una visita in più lo trovo volgare e facilmente evitabile.
Certo è che Daniele è stato un BIG della musica italiana nonché una colonna di Napoli. E’ un po’ come se domani mattina Roma si svegliasse senza Antonello Venditti. Ecco, in quel caso il mio ‘dolore’ sarebbe profondo, concreto, essendo cresciuto con le sue canzoni, colonna sonora delle vacanze con i miei genitori per 20 anni. Con Daniele, vuoi o non vuoi, questo non è mai avvenuto, anche se comprendo il perché in così tanti abbiano pianto la sua morte nelle ultime ore. E allora perché parlarne ora? Perché il caro lettore Carmine ha riempito la mia ignoranza sull’argomento Daniele con una canzone da lui scritta nel 1979, ovvero 36 anni fa. Un precursore, perché Chillo è nu buon guaglione, questo il suo titolo, parlava della prima storica trans uscita allo scoperto a Napoli. Non avemo mai sentito questa canzone fino ad oggi. Ecco, mi sembrava un buon motivo farla conoscere anche ad altri proprio il giorno della sua morte.

Chillo è nu buono guaglione
fà ‘a vita ‘e notte sott’a nu lampione
e quando arriva mezzanotte

scende e
va a faticà’
chillo è nu buono guaglione
ma che peccato ca è nu poco ricchione
ha cominciato col vestito della sorella
pe pazzià’
chillo è nu buono guaglione
e vo’ essere na signora
chillo è nu buono guaglione
crede ancora all’amore
chillo è nu buono guaglione
sogna la vita coniugale
ma per strada poi sta male
perchè si girano a guardare
chillo è nu buono guaglione
s’astipa ‘e sorde pe ll’operazione
non ha alternativa
solo azione decisiva.
E mi chiamerò Teresa
scenderò a far la spesa
me facce crescere ‘e capille
e me metto ‘e tacchi a spillo
inviterò gli amici a casa
a passare una giornata
senza avere la paura
che ci sia una chiamata
e uscire poi per strada
e gridare SO’ NORMALE!
e nisciuno me dice niente
e nemmeno la stradale.
Chillo è nu buono guaglione
e vo’ essere na signora…

Autore

Articoli correlati