x

Ritorno al Futuro II e i diritti nel 2015 – ecco perché i gay d’Inghilterra possono dirsi soddisfatti

Condividi

Nel 1989, grazie a quel capolavoro inarrivabile che è Ritorno al Futuro II, Robert Zemeckis ci condusse nel futuro.
Marty e Doc, per la precisione, volarono con la loro DeLorean fino al 21 ottobre del 2015. Ora, tralasciando la meravigliosa ‘visione’ futuristica immaginata dal regista (skate e scarpe da sogni ad occhi aperti), il 2015 ‘reale’ ha comunque fatto dei passi da gigante rispetto al 1989, anno d’uscita della pellicola. Almeno dal punto di vista dei diritti e se tutti noi fossimo INGLESI, come segnalato dal sito PinkNews.
I gay di Londra e dintorni, infatti, hanno incassato una quantità infinita di dirit, ti rispetto all’ultimo anno degli ’80, tanto da potersi dire più che soddisfatti. Con o senza hoverboard da poter acquistare.
Marty McFly, ad esempio, non avrebbe potuto avere rapporti gay nel 1989, perché all’epoca ancora troppo piccolo rispetto alle leggi di un tempo. Nel 1989, tra le altre cose, ti potevano licenziare solo e soltanto perché gay. Assurdità scomparsa nel 2003. E ancora. Nel 1989 non potevi arruolarti nell’esercito, se gay, divieto scomparso solo nel 2000; nel 1989 le coppie gay non potevano adottare, possibilità dal 2005 fattibile; nel 1989 un negozio o un albergo poteva scegliere di non servirti se omosessuale, atrocità scomparsa nel 2007, mentre le persone transgender, nel 1989, non erano praticamente ‘nessuno. Dal 2005 il Gender Recognition Act ha dato loro riconoscimento giuridico.
Come non parlare poi del matrimonio gay, nel 1989 pura fantascienza. Ora due uomini e due donne possono sposarsi in Inghilterra, Scozia e Galles. Il divieto persiste solo in Irlanda del Nord.
Naturalmente la situazione non è così rosea negli Stati Uniti, dove Ritorno al Futuro II è ambientato, ma i diritti glbtq sono nettamente migliorati anche in questo caso, con i matrimoni tra persone dello stesso sesso al momento disponibili in 30 stati, oltre a Washington DC. Tutt’altra storia in Italia, ovviamente, dove bisognerebbe fare riferimento a Ritorno al Futuro III, con Marty e Doc catapultati nel 1855 del vecchio Far West.
Ma questa, ahinoi, è un’altra triste storia.

Autore

Articoli correlati