x

Tutti contro Mariah Carey – ha cantato per il dittatore angolano José Eduardo dos Santos

Condividi

Ancora una.
Ancora una popstar milionaria che cede all’odore del vile denaro per partecipare ad eventi imbarazzanti.
Mariah Carey, proprio lei, è infatti finita nell’occhio del ciclone.
La Human Rights Foundation si è scagliata contro la cantante glitterata, accusata di aver partecipato ad un concerto in Angola per il Presidente José Eduardo dos Santos, ovvero uno dei principali dittatori e tiranni che l’Africa abbia mai avuto.
Mariah ha cantato per 2 ore ad un evento per la Croce Rossa dell’Angola, davanti proprio a Josè, Presidente dal 1979 e da allora responsabile della morte di politici, giornalisti e attivisti che hanno osato in questi 35 anni protestare contro il suo potere.
La Carey è stata immortalata sorridente e soddisfatta vicino al Presidente e alla sua famiglia, con tanto di virgolettato: “Sono felice di essre qui e sono onorata di condividere questo spettacolo con il Presidente dell’Angola“.
Mariah si sarebbe messa in tasca UN MILIONE DI DOLLARI per presenziare all’evento, replicando la clamorosa gaffe di 5 anni fa quando cantò in onore di Muammar Gheddafi.
In quel caso la Carey chiese poi scusa, per un’indegna e inaccettabile ‘caduta di stile’ che sempre più artisti, negli anni, finiscono per digerire. Prima di Mariah arrivarono a tanto anche Usher, Beyonce e Jennifer Lopez, ma la Carey, da sempre ‘donna dei record’, è riuscita a superare tutto e tutti.
Perchè ha bissato.
Ieri Gheddafi. Oggi Dos Santos. Domani Putin?

Autore

Articoli correlati