Striscia la Notizia ci farà odiare Virginia Raffaele?

Condividi

C’era attesa, ovvia e scontata, nei confronti della nuova Striscia la Notizia.
D’altronde la storica novità dei VELINI al posto delle VELINE più due donne in conduzione avevano seminato curiosità nei confronti del programma di Antonio Ricci, se non fosse che la prima puntata andata in onda ieri sera abbia deluso.
Al fianco della donna più sopravvalutata della storia della tv italiana, ovvero l’inutile Hunziker, addirittura gravida ed affaticata, Canale 5 si è infatti mal giocata la carta Virginia Raffaele, la scorsa stagione straripante a Quelli Che. Peccato che Quelli Che non sia Striscia e Michelle non sia la Cabello.
L’idea di proporre tutte le sere una Virginia IMITATRICE costante, infatti, finirà per renderla quasi insostenibile, snervante, stancante. La spremeranno e disosseranno, rovinandola con quell’obbrobbrio di finte risate che solo Mediaset al mondo continua ad utilizzare con vergognosa costanza. Ad ogni battuta, stupida e simpatica che sia, piovono idiote risate, che di fatto ‘svuotano’ la verve comica della povera Raffaele, ieri sera sia Minetti che Belen e nelle prossime settimane chissà quante volte ancora obbligata di fatto a ‘trasformarsi’.
Ma non era più logico mostrarcela nei ‘suoi’ panni, quelli di Virginia, per poi cedere il passo ad uno sketch registrato al giorno con l’imitazione di turno a traino?
Se gli ascolti di oggi ovviamente premieranno la prima puntata, sulla tenuta dell’esperimento avrei da obiettare. D’altronde anche i famigerati Velini sono stati più ridicoli che utili, gnocchi è poco ma sicuro ma anche se non soprattutto impacciati e fuori luogo. Tanto da far quasi rimpiangere le storiche Veline. Ok, ho detto quasi.
Tralasciando l’osceno studio e i soliti servizi che arrivati al 26esimo anno di vita ce l’hanno fatto a peperini, la ‘nuova’ Striscia ha finito per NON superare lo scoglio della ‘novità’ a tutti i costi.
Perché se davvero la scaletta dovesse rimanere questa per un altro paio di settimane, vedi Raffaele trasformista, Hunziker panzona e velini/gigolò per sbaglio, prevedo calo di ascolti a favore dei Pacchi. Quelli firmati Insinna.

Autore

Articoli correlati