Prima via libera ad una legge contro l’omofobia: il 22 luglio l’approvazione alla CAMERA?

Condividi

Primo step.
Ci siamo.
La commissione Giustizia ha infatti approvato il testo base del ddl contro l’omofobia e la transfobia, che andrà all’esame dell’Aula il 22 luglio.
8 giorni dopo, come ormai tutto il mondo sa, Silvio Berlusconi potrebbe finire agli arresti domiciliari.
Se così fosse, dal 1° agosto non esisterebbe più un Governo, visto che il Pdl scatenerebbe l’inferno in piazza, così come Grillo preferirebbe andare subito al voto, pur di non prendersi uno straccio di responsabilità e governare al fianco del Pd di Letta. Ergo, è una corsa contro il tempo, quella che ci vedrà ‘protagonisti’ a Montecitorio.
Penso che il lavoro collegiale che ha visto protagonisti in Commissione tutti i gruppi parlamentari e l’altro relatore, Leone, sia stato un esempio di buona politica”. “Spero che il provvedimento arrivi in Aula e sia discusso con lo stesso spirito di condivisione e di ascolto“. Queste le parole di Ivan Scalfarotto, relatore della proposta di legge per il Partito Democratico. Un Ddl che prevede l’estensione della legge Reale-Mancino anche all’orientamento sessuale e all’identità di genere della vittima, visto che al momento punisce ‘solo’ gli atti di discriminazione basati sull’origine etnica, nazionalità e religione
Il testo base licenziato oggi dalla commissione Giustizia della Camera che vuole estendere la legge Mancino a omofobia e transfobia è un primo importante passo avanti. Ora c’è da sperare che non si apra l’ennesima battaglia ideologica e che non sia stravolto. Per parte nostra siamo pronti ad andare fino in fondo anche presentando emendamenti migliorativi. Potrebbe esserci la concreta possibilità che la Camera – dove la legge arriverà il 22 luglio – finalmente la approvi. Il contrasto all’omofobia e alla transfobia è una norma di civiltà e di progresso dei diritti che riguarda tutti oltre che gay, lesbiche e trans. I politici non possono continuare di volta in volta solo a esprimere solidarietà nei casi di aggressioni o discriminazioni, ma è ora che si passi a fatti concreti“.
Soddisfazione anche da parte di Alessandro Zan, gay dichiarato nonché deputato SEL, per una legge contro l’omofobia FORSE ad un passo dalla sua approvazione.
Caduta del Governo permettendo.

Autore

Articoli correlati