#MrSirenetto2012: terza semifinale – Giacomo vs. Marino

Condividi

185 a 155 (retwittate e penalizzazioni comprese).
Teo ribalta i pronostici della vigilia e vola in finale, battendo IGOR, secondo concorrente più votato nelle sfide dei quarti. Mr. Sirenetto si concede così la sua prima sorpresa di stagione, riprendendo oggi a ‘pedalare’ dopo il forzato stop (causa connessione sbilenca) dei giorni passati.

Oggi, domani e dopodomani andranno ‘in onda’ le tre semifinali rimanenti, per una finalissima a SEI che prenderà il via lunedì prossimo. Perché a SEI? Perché lo sconfitto più VOTATO verrà RIPESCATO. Siete caduti dalla sedia per il colpo di scena? E lo so, di fatti me chiamano J.J. Abrams (…..). Ma ora basta cazzate, perché ci son due sfidanti che vi attendono dopo il saltino. Di chi diavolo stiamo parlando? Di Giacomo e Marino. Dove e come fare per votarli? Facile, basterà correre sulla pagina FB di Spetteguless e sull’account TWITTER del blog.
Ogni MI PIACE e ogni RETWITTATA varranno UN VOTO. 24 ore a partire da ORA (12:00) per poter votare.
Chi raccoglie più voti VINCE, volando in FINALE.
Tutto chiaro? Direi dì sì.
Ma ora basta chiacchiere, perché è tempo di dare un sentito benvenuto ai  DUE duellanti di oggi.

– GIACOMO

Età: 30 anni
Altezza: 183 cm
Peso: 74 kg
Segno zodiacale: sono nato il 25/11/1981 quindi Sagittario
Info personali: Lavoro a Milano da 3 anni e 1/2 e sono una persona molto solare, dinamica ed intraprendente. Sono un fan accanito di Madonna e di Jlo e soprattutto di Spetteguless 😉

– MARINO

Età: 26 anni
Altezza: 175 cm
Peso: 60 kg

Il mare, la luna, le stelle.
Sono vivace e ribelle come le onde, allegro e sorridente. Tuttavia, spesso dietro ai sorrisi nascondo timidezza e insicurezza, che negli anni sono riuscito a domare (anche se mi capita tuttora di arrossire).
Ho una fervida fantasia e spesso mi piace fantasticare e pensare di rendere magica la vita a chi mi sta accanto; stupirmi delle stelle come un bambino, come un piccolo filosofo. Ciò che per me è importante è l’amore, che ho finalmente trovato dopo tante peripezie. Un tempo, dopo varie delusioni, ero convinto di bastarmi. Ora invece penso che la vita sia magica di per sé se si ha qualcuno con cui condividere non solo la gioia ma anche i problemi, le malattie e le paure. Auguro a tutti voi di trovare la persona giusta al momento giusto.
Ho capito che bisogna imparare ad amare se stessi prima di tutto. E non intendo in maniera narcisistica, ma nel profondo. Conoscersi, sbagliare e poi ricostruire in meglio. Un processo infinito, come il frangersi delle onde. Solo così sono riuscito ad aprire gli occhi del cuore e a vedere la persona che era già lì ad aspettarmi, per crescere insieme.
Ho pensato a lungo se partecipare ancora. Non amo la competizione, penso che tiri fuori il peggio delle persone, di me compreso. Questo è successo l’anno scorso. Non so cosa volessi dimostrare, forse di essere in grado anch’io di fare la voce grossa. Ebbene io non sono così. Ho deciso dunque di cogliere di nuovo la sfida, per condividere questi pensieri con voi e mostrare chi sono veramente. A voi decidere se questo sirenetto, libero dai lacci del passato, possa finalmente tuffarsi nel suo amato mare.

Autore

Articoli correlati