Ecco Girl Gone Wild di Madonna

Condividi

UPDATE: qui la versione completa con INTRO!

Dimenticata la minchiata Give Me All Your Luvin, e fatta misteriosamente sparire la SPLENDIDA intro con preghiera ascoltata nel post precedente, Madonna inizia a fare sul serio e torna a farci muovere le chiappe come ai tempi d’oro dell’inarrivabile Confessions, con un singolo che farà zompare le discoteche di mezzo mondo da marzo a settembre 2012. Perché questa è Girl Gone Wild. Truzza quel che basta, un po’ troppo CELEBRATION e con l’evidente tocco di Benny Benassi a renderla sicuro tormentone. Trascinante, incalzante, radiofonica, ignorante, ossessiva, robotica, gggiovane, coatta ma al tempo stesso finocchia, e con un ‘fastidioso’ ritornello che ti trapana il cervello. Insomma, Girl Gone Wild è una cazzo di bomba da discoteca. Madonna is back.

Autore

Articoli correlati