Capodanno 2012: torna l’incubo

Condividi

E’ più o meno luglio quando agli amici più intimi pongo la domanda delle domande:
“Ma a Capodanno che famo?”.
Apriti cielo.
Perché vengo deriso, umiliato, sfottuto. “A più di 150 giorni dalla fine dell’anno stiamo qui a chiederci che fare? Ma dai. Non sappiamo neanche dove saremo a Ferragosto! Ci penseremo….”.
Finì esattamente così quella chiacchierata. Con l’ormai leggendario ‘ci penseremo’ che vor dì tutto e niente. Soprattutto se rimandato all’infinito.
Oggi, 27 dicembre del 2011, ore 18:12, ce stamo infatti ancora a pensà.
Come ogni anno.
Tutti i fottutissimi 31 dicembre siam sempre qui a GIURARCI “aò l’anno prossimo, cascasse il mondo, ma partiamo”.
E infatti sempre qui siamo.
Lo scemo, ovvero il sottoscritto, propose partenze ‘estive’ in vista dell’ultimo giorno dell’anno, con offerte vantaggiose e prezzi più che abbordabili nei confronti di mete europee di vario tipo.
E invece no.
“Ce penseremo”, tuonò. Tanto che poi piovve. Il nulla. Perché a 3 giorni dal 31 siamo alla disperata ricerca di una baita in mezzo alla neve con fiaccolata di 6000 fregni ignudi che scendono a valle cantando l’intera discografia di Madonna, con tanto di stella cometa sullo sfondo, terme naturali a 21 centimetri dalla porta di casa, caminetto deluxe, albero di natale alto 12 metri con presepe vivente, rubinetti in ogni dove che sgorgano ciobar, tappeto di scimmia albina che te fa le coccole, parquet pure al cesso, cucina con vista sul mondo, e Mariah Carey come vicina de casa. Il tutto al massimo tra Lazio ed Abruzzo spendendo circa 200 euro a testa.
Possibilità di trovare cotanto paradiso? Lo 0,0000000000000000000000001%, per il 29° capodanno della mia vita da organizzare nelle 24 ore precedenti allo scoccare della fatidica mezzanotte.
Tant’è che quest’anno ho deciso di attuare una nuova strategia.
Quale? Iniziare a rompere i coglioni con ancor più anticipo.
Tipo quando? Il 1° gennaio alle 00:02.
A regà che famo a Capodanno 2013? E non ridete perché ve dico solo che non se esce de casa fino a quando non abbiamo prenotato“.
Giuro che lo faccio.

Autore

Articoli correlati