Alfonso Signorini contro Elton John e l’omogenitorialità

Condividi
Sulla paternità di Elton John ho già detto la mia, più volte.
I miei dubbi riguardavano solo ed esclusivamente il suo VOLER essere “padre”, e non la sua omosessualità. Da anni sottolineo come l’amore per un figlio vada OLTRE il sesso dei due genitori. Ci sono padri e madri eterosessuali che picchiano, seviziano, stuprano e abusano dei propri figli, così come ci sono padri e madri OMOsessuali che li fanno sentire amati 24 ore al giorno. Ad oggi NON esistono studi di NESSUN tipo che sottolineino come un bambino cresciuto da una famiglia eterosessuale cresca meglio, o diversamente, rispetto ad un bambino cresciuto da due padri o da due madri gay. Chi dice il contrario sproloquia diffondendo consapevolmente ignoranza. Sull’argomento John, di cui si è dibattuto assai in questi ultimi giorni, ha voluto metter bocca anche Alfonso Signorini, ovvero il FROCIO TELEVISIVO per antonomasia, quello che ormai spopola sulle reti Mediaset, dirigendo anche un settimanale di un certo peso come Tv Sorrisi e Canzoni. Proprio sull’ultimo numero della rivista, Signorini si è lasciato andare ad un lungo editoriale, a dir poco raccapricciante, CONTRO i figli cresciuti da coppie gay, dando addirittura ragione a… Papa Benedetto:

Care lettrici e cari lettori, sui giornali nei giorni scorsi ho trovato una notizia che avrei preferito non leggere: Elton John è diventato papà. Per carità, non ho niente contro Elton John, che conosco e stimo non solo come cantante. Ma il modo in cui è diventato padre francamente non lo condivido: ha preso una donna «in affitto» per avere un erede, che ha chiamato Zachary Jackson Levon Furnish-John (Furnish è il cognome del suo compagno David, con cui convive da 12 anni e con cui è sposato civilmente da cinque).
Alcuni giornali hanno commentato questo fatto come «una nuova conquista delle coppie gay» e considerano Elton «un apripista suidiritti degli omosessuali». Sarà. Ma più che alla coppia Elton-David e al suo ruolo di «apripista», a me viene da pensare al piccolo Zachary. Che non potrà contare sulla figura veramente insostituibile per un bambino: quella della madre. Sono sicuro che Zachary crescerà in una famiglia che lo ama e che fortunatamente può offrirgli una vita senza preoccupazioni economiche. Ma tanto amore e tanti soldi secondo me non basteranno mai a nascondere la mancanza di una madre.
Perciò sono d’accordo con Papa Benedetto XVI quando afferma che i bambini devono crescere in una famiglia dove ci sono un papà e una mamma. E senza mettere in discussione le rivendicazioni dei gay, lasciatemi dire che Elton e David secondo me sono andati un po’ oltre i propri «diritti». Pensando probabilmente troppo ai propri desideri e troppo poco alle esigenze di un bambino.
—————-
Ora, detto che Signorini si è accorto dell’esistenza dell’omogenitorialità “vip” 3 giorni fa, il che fa abbastanza ridere, considerando che Ricky Martin  sono ANNI che è diventato padre di due bimbi nati da madre surrogata, vorrei ricordare a Signorini che quelle che lui chiama “rivendicazioni DEI gay”, lo riguardano a 360°, dalla testa ai piedi. E ai tanti che sottolineano come Berlusconi NON ODII i gay visto QUANTO fa lavorare Signorini nelle sue televisioni, vorrei far capire che il buon Alfonso NON fa NULLA e non ha molto probabilmente MAI fatto nulla per il movimento omosessuale, se non amplificare all’ennesima potenza lo stereotipo del gay effeminato che si sventola con le margherite spezzando fette biscottate quando prova ad imburrarle con forza e passione ‘macha’, NECESSARIO al mondo etero in cerca del DIVERSO VISIBILE e facilmente rintracciabile.  
Un frocio che da’ ragione a Papa Benedetto, secondo cui non dovremmo neanche ESISTERE, se non nascosti dalla società, in silenzio e chiedendo perdono per i peccati commessi, direi che non meriterebbe nessun tipo di commento, se non un ricco e sentito vaffanculo.

Autore

Articoli correlati