L’angolo della P(r)osta(ta)

Condividi

Ciao cari lettori di Spetteguless!
Date le numerose richieste di questa settimana chiedo scusa se non mi è stato possibile rispondere a tutte le richieste di aiuto.
Pertanto risponderò direttamente nella mail privata a quelle anime perse che non hanno avuto riscontro qui oggi.
BY SILVYE

n.b: costo del servizio, 80 euro/min + botta alla risposta. Il servizio è automatico, il vostro conto corrente sarà prosciugato come i vostri ormoni maschili. Per disattivare il servizio devi pronunciare per 3 volte di seguito la frase “Britney Spears è pazza”
———————-
Ciao Sylvie, (pezzo tagliato e riassunto in)
prima ti odiavo ora ti amo e col passare dei post sono diventato un tuo fan
Ho 21 anni, tutto sommato abbastanza giovane (cazzo abbastanza giovane???!!!!). Ho alcune esperienze, nonostante tutto il tempo perso a pensare quanto sarebbe stato sbagliato farlo con un uomo. Secondo te, è necessario prima o poi dichiararsi ai propri genitori, conoscendo già in partenza le loro idee sulla questione omosessualità? Ed ora, a quest’età magari non mi non mi preoccupo, ma in futuro si chiederanno mai perchè ragazze in minigonna e con reggiseno a vista non frequentano la mia casa? La tua esperienza in proposito?
Un Abbraccio Andrea
SpettegulHelp risponde:
Caro Andrea sei giovanissimo non “abbastanza giovane” 🙂 e in merito a quanto da te scritto voglio dirti che ritengo che non sia necessario dirlo a qualcuno solo perchè è un dovere. Nessuno ha il dovere di dire con chi gli piace fare zum zum come nessuno ha il diritto di “pretendere di sapere”. La domanda che devi farti è se sia necessario dirlo ai tuoi per forza. Nel mio caso la risposta è stata “si” perchè i miei genitori si stavano separando e io mi stavo lasciando con il mio primo ragazzo. Ero depresso più di Britney con la differenza che almeno portavo le mutande e quando cantavo ero intonato. E’ stata una liberazione dirlo e da allora non ho più sentito frasi del tipo “che bella f**a, te la faresti??”. Credimi ogni volta che mio padre mi poneva quella domanda mi veniva la pelle alla Gregoraci (d’oca). Hai 21 anni, vivi la tua vita senza dover rendere conto a nessuno almeno sulla sfera sessuale. Se mai un giorno dovessero saperlo o tu dovessi dirlo loro, sono e rimarranno sempre i tuoi genitori e ti accetteranno. Se così non fosse io rimango sempre con la mia idea: “prendere la valigia, mettere dentro le cose vitali, mp3 e calze contenitive, e sloggiare”. (io ho fatto cosi).
———————————–
da Marco:
Ciao Silvio! Innanzitutto complimenti x l’ottimo lavoro che svolgi nel tuo blog (IL BLOG E’ DI APO. IO SONO DI SUA PROPRIETA’). Vorrei se possibile mettermi in contatto col ragazzo che hai pubblicato oggi sulla tua rubrica… Io sono bsx e mi farebbe piacere farci quattro chiacchiere avendo solo un anno piu di lui.
Marco

SpettegulHelp risponde:
Sylvie chiama Pietro, Sylvie chiama Pietro. Se ci sei Pietro, dammi un colpo. Ecco ora un altro…si cosi bravo.. Pietro per favore qui c’è qualcuno che vuole mettersi in contatto con te.. entro in TRANS e provo a comunicartelo via etero. Marco dammi il tempo di entrare in contratto con Pietro e vi metterò in sintonizzazione.
—————
da Simone
ciao silvio!!!ormai è molto tempo che seguo il blog di apo e da quando c’è questa tua rubrica sto scoprendo tante nuove realtà. Sono un ragazzo di Roma di 21 anni e da molto tempo ho scoperto di essere gay. Non ho mai avuto il coraggio di dire niente a nessuno perchè vicino a me (famiglia, amici ecc…) non credo troverei un ambiente diciamo “favorevole” Per questo ti chiedo un consiglio proprio come farebbe un imbranato: ma n’dò devo annà? mi sono rotto a vedermi “diverso” dagli altri solo perchè frequento sempre “gli altri”…vorrei anche io sentirmi normale!!!! Ti prego dammi una mano!!!
Mille volte grazie!Un bacio
SPettegulHelp risponde:
Simone leggi pure il commento sulla richiesta di aiuto di Andrea. Siete molto simili e Tu come Andrea sei normale. Basta vi prego pensare che il gay sia un diverso. Un sacco di volte mi capita che miei amici dicano: “posso presentarti un mio amico..come te”, oppure “ma ti piacciono le persone normali??” … Chiunque tu frequenti, chiunque tu baci, abbracci, rimarrai sempre Simone. La prima cosa da fare è accettarsi. La seconda è capire cosa si vuole dalla vita. La terza è decidere se vivere nell’anonimato o tirare fuori le palle e fare vedere a tutti di cosa si è capaci. Una volta che acquisisci sicurezza in te stesso..credimi puoi fare quel che vuoi. Non cercare di sentirti “normale”. Nessuno lo è in fondo.
Telefilm consigliato: Ugly Betty
———————
da Ale
Ciao caro Sylvio….
da quanto mi sembra di capire sei un grande estimatore e conoscitore della nobile arte dell’uso della mano amica…la Federica per gli amici…Visto il periodo di carenza di karne, per poter soddisfare gli appetiti mi sto rivolgendo alle cure della Fede, ma vorrei vivacizzare un pò la situazione…la mia cara amica ha bisogno di un pò di un corso di aggiornamento e qualche utile consiglio…
Vista la tua indubbia conoscenza del settore perchè non ci proponi una bella lista di posizioni, stimolamenti e chi ne ha più ne metta per poterci godere quei minuti di sesso con noi stessi medesimi?
Ciao un bacione
Ale
SPettegulHelp risponde
Masturbarsi è conoscersi. Molti non ne parlano, molti lo fanno e non osano dirlo, molti lo dicono ma non lo fanno. Ognuno prova piacere come crede. Molti odiano farsi masturbare da altre persone perchè è un gesto talmente privato che solo tu sai come e dove toccare. Altri invece impazziscono a farsi toccare dal proprio partner.. ma il mondo è bello per questo. I miei consigli per avere il massimo del piacere li potete trovare nel mio nuovo libro in uscita domani in tutti i sexy shop
“Ottenere una masturbazione globalmente soddisfacente che ti faccia dimenticare il pensiero del sesso per un solo attimo di vita”:

1 – fallo quando sei tranquillo/a, solo e rilassato
2 – aiutati con foto, film porno se ti va. Non commetti reato.
3 – guardati allo specchio, comincerai ad apprezzare il tuo corpo in modo migliore. (consiglio non valido per la Binetti)
4 – http://www.youtube.com/watch?v=iFKgJnJr_Lg

————-
da Andrea 89
Cara Silvye!
Ti mando questa E-mail per porti un mio problema..sono un ragazzo gay di diciotto anni e avrei molta voglia di innamorarmi..mi sono frequentato con un po’ di ragazzi però alla fine succede sempre qualcosa..mi blocco..non riesco ad avere quella vera complicità che tanto vorrei,e allora finisco sempre con l’allontanarmi.Non so se questo dipenda da me oppure dipenda dal fatto che non sia scattato il cosìdetto colpo di fulmine!mi puoi aiutare?grazie mille
SpettegulHelp risponde:
Andre, Andre… sei molto giovane, non farti certi castelli mentali per nulla. Piano piano acquisterai quella fiducia che ti permetterà di capire realmente cosa vuoi. Purtroppo i rapporti umani sono stranissimi e cambiano sempre anche in base al tuo stato d’animo. Io ad esempio per colpa delle brutte esperienze che ho avuto, e non parlo dell’avere ascoltato Platinette cantare, non riesco ad allacciare un rapporto con un ragazzo che non vada oltre il “ciao, come va”, e ho ben 25 anni (+1+1+1)… Non correre troppo con i ragazzi. Arriverà quello giusto.
Film consigliato: john tucker must die.

Prossimo Articolo

Indovina l’attore

Articolo Precedente

Zlatan Ibrahimovic per Max

Autore

Articoli correlati