Suspiria per il Consiglio cinematografico di Dr.Apo!

Condividi

Per il CONSIGLIO cinematografico della settimana mi dedico al mondo dell’HORROR e a quello che può essere considerato DI DIRITTO uno dei 5 più bei film del genere MAI realizzati… SUSPIRIA di Dario Argento!
Due anno dopo Profondo Rosso Argento si supera, è il 1977, realizzando quello che a mio avviso è il suo CAPOLAVORO assoluto, il film più terrificante e tecnicamente sconvolgente che abbia fatto in vita sua.
Abbandonato il THRILLER/GIALLO che l’ha reso celebre, Dario si dedica all’horror, dando vita al PRIMO capitolo di una TRILOGIA, che dopo 30anni vedrà la parola FINE il 31 OTTOBRE, con l’attesissimo LA TERZA MADRE, presentato in pompa magna alla Festa del cinema di Roma, a cui seguirà pochi anni dopo, nel 1980, l’insipido Inferno.
La trilogia in questione è quella delle TRE MADRI, la Mater Tenebrarum, la Mater Suspiriorum e la più temibile di tutte, la Mater Lachrimarum.
Abbiamo Susy, giovane studentessa americana, che si trasferisce in Germania, a Friburgo, nella celebre e stimana scuola di danza Tanzakademie.
Qui scoprirà ben presto come la scuola non sia altro che un covo di STREGHE, tutte soggette alla REGINA NERA, la terribile Mater Suspiriorum.
Argento si rifà alle FAVOLE classiche, con una strepitosa e angosciosa voce fuori campo iniziale, quasi a voler ricordare il C’ERA UNA VOLTA, ambientando il tutto a Friburgo, nella FORESTA NERA di Hansel e Gretel.

Lo stesso facciata dell’edificio maledetto della scuola è un omaggio all’espressionismo tedesco e al cinema degli anni 30, dal Dottor Caligari al Nosferatu di Lang.
Ma il VERO punto di forza del film è la PAZZESCA fotografia!
Argento vola in Cina per acquistare gli ultimi rotoli di pellicola Kodak usati negli anni Cinquanta per film di fantascienza, rielaborando poi i colori in laboratorio, facendo così di “Suspiria” anche l’ultimo lungometraggio della storia ad avere avuto queste caratteristiche (che ricordano classici come Il mago di Oz). Dal rosso acceso al Blu Profondo, la pellicola è un ORGASMO visivo grazie ad un utilizzo delle luci MAI VISTO prima, capace di terrorizzare lo spettatore come nemmeno il peggior coltellaccio grondante sangue riuscrebbe a fare.
Celebre anche la colonna sonora, come sempre partorita dalla mente GENIALE di Simonetti e i suoi Goblin che, dopo il successo di Profondo Rosso, bissarono a livello MONDIALE con Suspiria, mentre impeccabili anche le scenografie, in un mix di barocco, kitsch e gotico.
Diverse le scene da ANTOLOGIA del cinema:

Dallo STREPITOSO massacro iniziale delle due allieve, a quello lungo ed estenuante in cui Sara, l’amica della protagonista Susy, per sfuggire all’assassino si infila in una finestrella per cadere poi in una stanza piena di grandi matasse di filo di ferro dove, nel dimenarsi nel tentativo di liberarsi, si trova sempre più intrappolata, fino a che, arrivata all’uscita, una mano misteriosa le taglia la gola con un affilato rasoio. Fondamentali come sempre nel suo cinema gli ANIMALI, tra vermi, cani assassini e uccelli dalle piume di cristallo citazionistici.

Fantastica Alida Valli, per un film che NON SI PUO’ non avere nella propria videoteca.
E’ appena uscita una versione in dvd RIMASTERIZZATA, con splendido cofanetto, ad un prezzo accessibilissimo… consiglio a TUTTI di prenderla e di gustarsela, nell’attesa di questa Terza Madre che potremo vedere la notte di Halloween.
Nel frattempo MARTEDI 23 OTTOBRE serata ARGENTO alla Festa del cinema di Roma con TUTTE e tre le PROIEZIONI, Suspiria-Inferno-Terza Madre, per un appuntamento semplicemente IMPERDIBILE! Se ancora li trovate COMPRATE IL BIGLIETTO!

Susy Benner decise di perfezionare i suoi studi di balletto nella più famosa scuola europea di danza. Scelse la celebre accademia di Friburgo. Partì un giorno alle nove di mattina dall’aeroporto di New York e giunse in Germania alle ore 22:45 ora locale

VOTO:10

Autore

Articoli correlati