Le mie recensioni ( si lo so…spesso da querela!!!)

Condividi


MEMORIE DI UNA GEISHA

Il premio Oscar, per Chicago, Rob Marshall ci porta nello splendido, affascinante, seducente, esotico ed emozionante mondo perduto di “Memorie di una Geisha”, best-seller di Arthur Golden, i cui diritti furono acquistati da Spielberg, produttore del film, addiritura prima che il libro venisse pubblicato. Un successo letterario trasportato al cinema, come ormai spessissimo accade, vedere “Il codice da vinci” e l’attesissimo, almeno dal sottoscritto perchè suo libro preferito, “Il profumo”, in maniera realistica e dettagliata, accompagnato da un cast stellare, e tutto orientale, di primissimo ordine, da Zhang Zity a Gong li, da Ken Watanabe a Michelle Yeoh, tutti magistralmente diretti dal sempre più interessante Marshall, attento nel ricostruire le atmosfere UNICHE tipiche del Giappone ancora non tecnologizzato di oggi.
Il libro segue la vita di una piccola bambina, Sayuri, venduta, assieme alla sorella, dal padre, e costretta, inizialmente controvoglia, ad apprendere “l’arte” della Geisha. Un “Oliver Twist” in salsa orientale, visto in maniera hollywodiana, potremo dire, capace di colpire l’interesse dello spettatore, grazie alla straordinaria cultura presa in esame, ad emozionarlo, ad affascinarlo, aiutato dagli SPLENDIDI luoghi in cui il film è ambientato, molti ricostruiti in studio, dalla toccante colonna sonora di “Mr.Oscar” Jonh Williams, dagli eccezionali vestiti della Atwood, la stessa di Chicago, e perchè no dal montaggio del nostro Scalia.
Insomma un film da non perdere, consigliatissimo e in odore di Oscar.

Voto: 7+

Autore

Articoli correlati