Harvey Weinstein e l’avvertimento omofobo a Cara Delevingne, ‘se ti dichiari lesbica non sarai mai un’attrice ad Hollywood’

Condividi

 rs_1024x759-171011114307-1024.harvey-cara.cm.101117

Lo scandalo Harvey Weinstein continua a raccogliere vittime, dopo le tante già uscite allo scoperto negli ultimi giorni.
Via social è stata Cara Delevingne a raccontare la propria drammatica esperienza con il potentissimo produttore ormai caduto in disgrazia.
Pochi anni fa, infatti, Harvey non l’ha soltanto molestata ma anche minacciata, facendole capire che dichiarando la propria bisessualità non avrebbe mai sfondato ad Hollywood.

«Quando ho cominciato a lavorare come attrice ho ricevuto una telefonata da Harvey Weinstein, che mi chiese se avevo avuto rapporti sessuali con una delle donne con cui uscivo secondo i giornali. Fu una telefonata molto strana e fastidiosa. Non ho risposto alle sue domande e ho cercato di mettere giù il prima possibile, ma prima che potessi farlo mi disse che se ero omosessuale o che se avessi deciso di avere una relazione con una donna dichiarata, non avrei mai ottenuto un ruolo di donna eterosessuale o non ce l’avrei mai fatta come attrice a Hollywood». «Uno o due anni dopo andai a un incontro con lui nella lobby di un hotel, c’era anche un regista e dovevamo parlare di un film che doveva uscire. Il regista a un certo punto se ne andò e Harvey mi chiese di restare e chiacchierare con lui. Non appena restammo soli cominciò a vantarsi di tutte le attrici con cui aveva fatto sesso, del fatto che fosse lui l’artefice delle loro carriere e parlò di altre cose inappropriate, di natura sessuale. Poi mi invitò nella sua camera. Rifiutai subito e chiesi al suo assistente se la mia auto mi aspettava fuori. Lei disse di no, che ci avrebbe messo un po’ ad arrivare e che avrei dovuto andare nella sua camera. A quel punto mi sentii indifesa e spaventata, ma non volevo comportarmi come tale perché speravo di aver frainteso tutta la situazione. Quando arrivai nella stanza fui sollevata nel vedere che c’era un’altra donna e pensai di essere al sicuro. Lui ci chiese di baciarci e lei cominciò a fare alcune avances verso di lui. Io mi alzai in fretta e gli chiesi se sapeva che so cantare. Iniziai a cantare… pensai che avrebbe migliorato la situazione… che l’avrebbe resa più professionale… come a un provino… ero molto nervosa. Dopo aver cantato dissi di nuovo che dovevo andarmene. Mi accompagnò alla porta, ci si mise davanti e cercò di baciarmi sulla bocca. Lo fermai e riuscii a uscire dalla stanza. Ottenni comunque la parte per quel film e ho sempre pensato che me la diede per quello che successe. Da allora mi sono sempre sentita male per aver fatto quel film. Ho sempre sentito di non essermi meritata quella parte. Ero così esitante a parlare di questa cosa… non volevo ferire la sua famiglia. Mi sentivo colpevole come se avessi fatto qualcosa di sbagliato. Avevo anche paura che questo tipo di cose fossero successe a tante altre donne di mia conoscenza ma che nessuno avesse parlato per la paura».

Da poco in sala con Valerian e la città dei mille pianeti, Cara, fortunatamente, non è solo serenamente bisessuale ma anche lanciatissima in qualità d’attrice mentre Weinstein, con 30 anni di ritardo, è finito nelle merda.

P.S. ovviamente nessuno, negli Stati Uniti d’America, si è permesso di criticare l’ex modella come schifosamente avvenuto in Italia con Asia Argento.

Autore

Articoli correlati