Feud 2, Ryan Murphy prepara Capote’s Women con protagonista Naomi Watts e Gus Van Sant regista

Condividi

Finalmente Feud 2.
Ciò che sembrava un pesce d’aprile, lanciato ieri da Deadline, parrebbe infatti essere vero.
Ryan Murphy e Plan B avrebbero dato il via a “Capote’s Women“, progetto che vedrà avrà protagonista la due volte candidata all’Oscar Naomi Watts nei panni di Babe Paley, indiscussa Regina dell’alta società di New York negli anni ’60 e ’70. Il due volte candidato all’Oscar Gus Van Sant dirigerà tutti gli otto episodi, con Jon Robin Baitz, candidato a Tony e Pulitzer, showrunner.

Adattamento del bestseller di Laurence Leamer “Capote’s Women: A True Story of Love, Betrayal, and a Swan Song for an Era”, la miniserie è ambientata negli anni ’70 e si conclude con la morte di Truman Capote nel 1984. Racconta la storia del celebre scrittore mentre pugnala alla schiena molte delle sue amiche – che chiamava i suoi “cigni” – pubblicando un racconto roman à clef intitolato “La Côte Basque 1965” su Esquire nel 1975. Il pezzo doveva essere un capitolo del famigerato romanzo incompiuto di Capote “Answered Prayers“, sequel del leggendario “A sangue freddo”.
L’elenco delle migliori socialite nella sua cerchia ristretta includeva Babe Paley, moglie del capo della CBS Bill Paley, che sarà interpretato da Watts; Slim Keith; Pamela Churchill Harriman, ex moglie del figlio di Winston e futura moglie del marito di Slim; Lee Radziwill, sorella di Jackie Kennedy; Gloria Guinness e C.Z. Guest.

I personaggi di La Côte Basque erano versioni sottilmente mascherate delle confidenti di Capote e svelavano i loro scioccanti segreti e scandali, dall’adulterio all’omicidio. La sua pubblicazione distrusse le amicizie di Truman, con tutti i suoi cigni che lo tagliarono fuori, così come la sua reputazione e la sua posizione sociale.

Sono in corso ricerche in tutto il mondo per un attore che interpreti Capote, reso immortale da Philip Seymour Hoffman. La prima strepitosa stagione di Feud, creata da Murphy, Jaffe Cohen e Michael Zam, vide Jessica Lange e Susan Sarandon negli abiti di Joan Crawford e Bette Davis, con 18 nomination agli Emmy conquistate.

Autore

Articoli correlati