Sophie Ellis-Bextor rivela: “Violentata all’età di 17 anni”

Condividi

Direttamente dal suo nuovo libro di memorie, Spinning Plates,  Sophie Ellis-Bextor ha confessato di aver perso la verginità a causa di uno stupro, subito all’età di 17 anni da parte di un musicista più anziano. Un qualcosa di cui “porta ancora le cicatrici”.
Sophie incontrà lo stupratore, un chitarrista di 29 anni che lei chiamava solo “Jim”, a un concerto, prima di andare nel suo appartamento. La cantante si è ribellata, ha più volte detto di no, non voleva, ma “non ha fatto alcuna differenza”.
“Ha fatto sesso con me e mi sono vergognato così tanto. È stato così che ho perso la verginità e mi sono sentita stupida”. “Mi sentivo sporca, ma anche insicura dei miei sentimenti perché non avevo altre esperienze con cui confrontarlo“.
La sua percezione dello stupro era diventata una cosa che “non ha a che fare con il consenso”, piuttosto era “qualcosa che associavi all’aggressività”.
Sophie Ellis-Bextor ha ora condiviso la sua esperienza per evidenziare “dove si trovi il confine tra giusto e sbagliato“.
“Ma nessuno mi ha immobilizzato o mi ha urlato di essere obbediente”. “La mia esperienza non è stata violenta”, ha detto. “Tutto quello che è successo è che non sono stata ascoltata.
“Delle due persone presenti, una ha detto sì, l’altra ha detto no, e la persona che ha detto di sì l’ha fatto comunque”.

Oggi 42enne, Sophie Ellis-Bextor ha 5 figli, tutti avuti dall’amato Richard Jones, suo sposo dal 2005.

Autore

Articoli correlati