x

John Waters sulla cover de l’Uomo Vogue: “I miei genitori erano decisamente orgogliosi di me”

Condividi

Non solo il 18enne Romeo Beckham.
Tra le 4 nuove copertine di L’Uomo Vogue spicca anche quella con il mitologico John Waters, regista iconico di film come Mondo Trasho, La Signora Ammazzatutti, Grasso è Bello, Pink Flamingos, al fianco della musa Divine.
Sono diventato una versione gay di mio padre in molti, molti modi“, ha confessato Waters, 74enne di Baltimora che non si vede al cinema da 17 lunghi anni (A Dirty Shame ). “Sicuramente da lui ho imparato a programmare e ad essere organizzato. Ho imparato le abitudini lavorative e una forte etica del lavoro … Ha avviato la propria attività, che riguardava attrezzature antincendio. E io avevo la mia, che era uno shock. Ma non eravamo così diversi. Ora vedo le mie foto e gli assomiglio. Voglio dire, è spaventoso. Ti trasformi sempre in una versione dei tuoi genitori”. “I miei genitori erano decisamente orgogliosi di me“. “Mio padre aveva il mio stesso nome. Sono John Waters Jr., che non uso. Ecco il punto: non dare mai a tuo figlio lo stesso tuo nome, a meno che tu non sia preparato a qualsiasi sua carriera. Diciamo solo che mi lasciavano sempre fare la mia camera da letto nel modo in cui volevo tenerla. Mi lasciavano sempre avere il mio ambiente. Ovviamente litigavamo costantemente per i miei vestiti. Voglio dire, è per questo che non potrei mai indossare un vestito di Halloween. Perché ogni sera, quando uscivo, da adolescente, mio padre mi diceva: “Ma non è Halloween, sai! Esci con quello?”.

Come si fa a non amare John Waters?

Autore

Articoli correlati