x

DuckTales, arriva la prima storica famiglia arcobaleno della serie DISNEY

Condividi

Con la terza stagione di Ducktales, serie animata Disney Channel, si farà spazio anche la prima storica famiglia arcobaleno.
Merito del personaggio di Violet, che ha due papà.
Una non-notizia, perché tutto questo già si sapeva, ma per la prima volta i due padri saranno finalmente mostrati, come confermato dal creatore Francisco “Frank” Angones, via Tumblr (by ImperoLand).

“Voglio essere molto diretto e sincero su questo argomento: i genitori di Violet esistono ma non hanno un grande ruolo nella storia. Come con tutti i nostri personaggi, abbiamo discusso molto sul ruolo di Violet e sul suo background e ci è venuta in mente l’idea divertente di darle due padri forse un po’ troppo entusiasti, che amano fare i papà. Non avevamo nessuna storia per loro, ma quando abbiamo realizzato un episodio incentrato su Qui e Violet, aveva senso mostrarli. Sono consapevole che lo stereotipo della rappresentazione queer attraverso genitori o personaggi di contorno sia un problema, e mi rendo conto che siamo incappati in un sacco di storie d’amore eteronormative perché le nostre coppie come Paperone e Doretta, Paperino e Paperina, Fenton e Gandra sono tradizionalmente etero. Inoltre è molto problematico fare modifiche ai personaggi Disney già esistenti. Ma questa non è una scusa. Siamo stati bravi con la diversità di etnie e la rappresentazione di personaggi con disabilità, ma non abbiamo ancora raggiunto una rappresentazione sufficiente per quanto riguarda il mondo LGBT. Abbiamo idee per il futuro che tratteranno tematiche importanti per il mondo LGBTQ+. Ma c’è sempre la possibilità di fare di meglio; di sicuro non voglio che mi vengano fatti complimenti solo per aver concesso un contentino. So che questa risposta potrebbe essere deludente, ma volevo essere onesto. Credetemi, come ho detto precedentemente, per me è molto importante migliorarmi e trovare nuove opportunità per dei personaggi che siano tridimensionali, sia in DuckTales che nei prossimi a cui lavorerò”.

Applausi.

Autore

Articoli correlati