Lady Oscar versione Paolo Tuci – il video

Condividi

-1

Una produzione ‘kolossal’ per una sigla iconica da non snaturare.
Paolo Tuci osa l’inosabile con Lady Oscar, tra drag, orge gay e can can, realizzando forse quello che è il suo miglior cartoon-video. In attesa di un duetto uffiiciale, a questo punto, con Cristina d’Avena.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Mark 5 Aprile 2017 at 13:33

    Chi? Quanto paga per sta marchetta lo sconosciuto? L’ha capito che non diventerà mai famoso? Ci vuole un minimo di talento. Un minimo.

  • Ciappy 4 Aprile 2017 at 22:44

    Ah scusa non ho retto dopo il primo minuto ^^’

  • alcor 4 Aprile 2017 at 19:23

    se guardi tutto il video la canta nei titoli di coda… male esattamente come la prima però

  • Minezoro 4 Aprile 2017 at 15:11

    Un concentrato di gente senza arte né parte.

  • Rei 4 Aprile 2017 at 14:20

    Ma per favore…

  • Marco 4 Aprile 2017 at 14:02

    Anche nel durello l’eleganza c’è!

  • Stregonia 4 Aprile 2017 at 13:18

    no comment, oscenità a 300 gradi. Ridicolo e imbarazzante e la cosa peggiore è che è convinto, inutili i riferimenti a paparazzi….

  • Aran Banjo 4 Aprile 2017 at 12:27

    na poracciata terribile

  • Marco Mg 4 Aprile 2017 at 12:14

    Disagio…

  • Nicola Andrea Calabrese 4 Aprile 2017 at 11:49

    A me onestamente vedere i video di questo tizio da il nervoso, un concentrato di cliché, mossette e steriotipi gay.

  • Massi Rei Yagami 4 Aprile 2017 at 11:21

    Ma solo io credo che abbia una voce orrenda? a parte il video che trovo imbarazzante

  • Gattone 4 Aprile 2017 at 10:41

    Imbarazzante! Ma c’è un mercato dietro le canzoni di questo qui? Ha dei fan? Fa dei Tour? CD? Dio mio…

  • アンドレア 4 Aprile 2017 at 10:31

    Ma… PERCHE’? Sto provando imbarazzo per lui :'(

  • Ciappy 4 Aprile 2017 at 9:41

    Ma a qualcuno veramente piacciono i video di questo? Boh. Comunque duetto de che, questa non è la sigla di Cristina, avrebbe dovuto far una Spada per Lady Oscar.