Cristiano Ronaldo vittima di cori omofobi allo stadio

Condividi

Cristiano_Ronaldo_Gay_Couple

Nel big match di sabato sera al Nou Camp che l’ha visto andare ovviamente a segno, permettendo al suo Real Madrid di battere l’incinvicile Barcellona, Cristiano Ronaldo è stato  vittima di cori omofobi.
Da tempo, infatti, si parla di una vera e propria storia d’amore tra l’asso portoghese, diventato padre grazie alla maternitò surrogata, e il kickboxer marocchino Badh Hari, suo carissimo ‘amico’.
Durante la partita tra Barcellona e Real, dagli spalti del Nou Camp sarebbero più volte partiti cori deprecabili al grido ‘maricòn’, che in spagnolo vuol dire ‘frocio’.
Francisco Ramirez, direttore del LGBT Observatory, ha usato parole dure per descrivere quanto avvenuto:

‘Questi deplorevoli e vergognosi atti sono punibili secondo la legge dello sport passata nel 2007. Da mesi il giocatore del Real Madrid Cristiano Ronaldo è oggetto di maliziosi voci apparse sui tabloid, con giocatori dilettanti, squadre rivali e persino giornalisti che lo umiliano, lo offendono e lo denigrano. E’ necessario chiarire che omofobia non significa necessariamente offendere e far soffrire solo le persone omosessuali, ma anche quelle persone che vengono considerate tali, e per questo insultate, molestate e umiliate’.

La Commissione di Stato contro la violenza nello sport è nata nel 2008, in Spagna, ed è in grado di proporre sanzioni legate a violenza, razzismo, xenofobia e intolleranza. Quando Ronaldo è stato intervistato da un giornalista sui rumor che lo vorrebbero gay, il calciatore del Real rispose: ‘sono a mio agio con la mia sessualità, quindi non è un problema per me‘. Cristiano, sempre secondo quanto riportato dai tabloid di Madrid, volerebbe in Marocco dall’amico Badh Hari tutte le settimane, a bordo del proprio aereo privato.

Schermata 2016-04-03 alle 11.01.44

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Frederik 5 Aprile 2016 at 17:27

    Mi fanno rridere queste cose, come se prendere un jet privato e andare in Marocco e poi a casa del suo amichetto fosse una qualche missione della CIA. Se lo fa ci sono testimoni, foto, video, piani di volo….senò sono stronzate che vi fanno bagnare e basta

  • Francesco 5 Aprile 2016 at 15:41

    Liberissimo di fare quel che gli pare (e infatti lo fa), ma a questo punto se lo dicesse apertamente farebbe molto meglio, perché otterrebbe il sostegno aperto di un’infinità di persone, mettendo a tacere quelle chiacchiere ed insinuazioni che sono il miglior trampolino per gli imbecilli che lo denigrano

  • Personcina 5 Aprile 2016 at 15:02

    Considerando la situazione in Marocco forse sarebbe più prudente che fosse l’amico ad andarlo a trovare.