x

25 di Adele, la sua lettera ai fan: “mi dispiace che ci sia voluto tanto tempo, ma così è la vita”

Condividi

Bella panzerottona mia, spacca il culo a tutti.

Quando avevo 7 anni avrei voluto averne 8. Quando avevo 8 anni avrei voluto averne 12. Quando ho compiuto 12 anni, avrei voluto averne 18. Poi, dopo, ho smesso di voler essere più vecchia. Ora sto andando oltre i 16-24 ed è come se avessi passato tutta la mia vita volando via, fino ad oggi. Ho sempre desiderato di essere più vecchia, di essere da un’altra parte; vorrei ricordare tutto e vorrei anche dimenticare. Vorrei non aver rovinato così tante cose belle solamente perché ero spaventata o annoiata. Vorrei aver conosciuto la mia bisnonna un po’ di più e vorrei non aver conosciuto me stessa così bene, perché questo significa che so sempre quello che succede. Vorrei non aver tagliato i miei capelli, vorrei aver aspettato e vorrei aver avuto fretta. Il mio ultimo disco è stato un disco di rottura e se dovessi etichettarlo lo definirei come un lavoro di rappacificazione. Sto facendo pace con me stessa, recuperando il tempo perduto, facendo il punto su quello che ho fatto e quello che non ho mai fatto.Ma non ho il tempo per aggrapparmi alle briciole del mio passato, come facevo prima. Quel che è fatto è fatto. Compiere 25 anni è stato un punto di svolta per me, uno schiaffo nel bel mezzo dei miei vent’anni. Sono qualcosa a metà tra un vecchio adolescente e un adulto. Ho deciso di essere quella che sono per sempre, senza un furgone pieno dei miei vecchi ricordi. Mi manca tutto del mio passato, il bene e il male, solamente perché non tornerà. Quando ne ero dentro ne volevo venire fuori. E’ così. Sto parlando di quando ero un’adolescente che non si preoccupava del futuro perché non gliene importava nulla, come ora. La capacità di essere impertinente su tutto: non ci saranno alcune conseguenze. Infrangere le regole… è meglio che fare le regole. ’25’ racconta di quella che sono diventata senza neanche rendermene conto. E mi dispiace tanto averci messo così tanto ma… è successo“. (traduzione Rockol.it)

Autore

Articoli correlati