Laura Pausini e il concerto in Russia: dirò come la penso sull’omofobia

Condividi

Max ma cosa stai dicendo!? Sono scioccata, in russia è pieno di Gay, quindi cosa faccio non canto per loro? Ma siamo impazziti? Io dico quotidianamente che non condivido il punto di vista di chi è razzista da ogni punto di vista, ma cosa significa? Che non vado a cantare nelle varie nazioni? Proprio li dirò come la penso e magari mi fischieranno anche ma non me ne frega nulla. Io faccio la mia musica e ho le mie idee in italia e fuori. Senza discriminazione.”. “Antonio, io non sono madonna e lady gaga in russia e il mio concerto non creerà nessuno scalpore cosa che invece il loro farebbe senz’altro. io faccio la mia musica…e diro’ le cose che penso. in russia cantero’ meno canzoni ma la parola ce l’ho..e parlero’ com faccio in italia, in america ecc..“.

Parole e pensieri di Laura Pausini su Facebook, che ha risposto a tono a chi le chiedeva COME MAI andasse a cantare nell’omofoba Russia. Proprio lei, in questi ultimi mesi sempre più paladina dei diritti che atterra sulla Terra di Putin?
No problema, ha voluto precisare la Pau nazionale, perchè anche in Russia dirà quel che pensa sull’omofobia, rischiando automaticamente grosso causa Legge sulla Propaganda Gay. Insomma, Pausini a rischio carcere come Madonna e Lady Gaga?

Autore

Articoli correlati